Cyber Bullismo Che Cosè
Regole

Dimmelo in faccia, se hai coraggio: decalogo per fermare l'odio sui social

20 Febbraio Feb 2017 1006 20 febbraio 2017
  • ...

Presentato il Manifesto della comunicazione non ostile, che raccoglie 10 principi per arginare e combattere i linguaggi negativi che si propagano facilmente in Rete, e spiegare che un insulto virtuale è reale. Un'iniziativa della prima Community contro l'hate speech, che ha scelto come testimonial una webstar come Gianni Morandi

Un Manifesto della comunicazione non ostile, carta che raccoglie 10 principi per ridurre, arginare e combattere i linguaggi negativi che si propagano facilmente in Rete: è questa l’ultima iniziativa di Parole O_Stili, la prima community in Italia contro la violenza nelle parole, che ha raggiunto oltre 7 milioni di persone su Facebook e 5,5 milioni su Twitter. La Carta è stata presentata dal testimonial della Community, Gianni Morandi, nel corso della prima kermesse contro l’hate speech svoltasi a Trieste lo scorso fine settimana.

Il Manifesto della comunicazione non ostile è stato composto a partire dalle oltre 250 proposte della Rete giunte negli ultimi mesi a Parole O_Stili, poi riformulate in 23 princìpi di stile e sottoposte a votazione online sul sito dell’organizzazione. I primi 6 sono stati scelti direttamente dalla Rete, che ha espresso oltre 17mila preferenze, mentre altrui 4 sono stati selezionati da 100 esperti che hanno collaborato con Parole O_Stili e sostenuto dall’inizio in progetto. Si tratta di 10 regole che ciascun navigatore deve sapersi dare per rendere internet un luogo migliore, senza odio.

Il network – che vede a partecipazione e il sostegno anche della presidente della Camera Laura Boldrini, del giornalista Enrico Mentana e del sindaco di Bergamo Giorgio Gori – proseguirà nei prossimi mesi a mettere a punto iniziative di sensibilizzazione contro la violenza nelle parole; prossimo appuntamento a Bergamo il 4 maggio.

IL MANIFESTO DELLA COMUNICAZIONE NON OSTILE

Virtuale è reale. Dico o scrivo in rete solo cose che ho il coraggio di dire di persona.

Si è ciò che si comunica. Le parole che scelgo raccontano la persona che sono: mi rappresentano.

Le parole danno forma al pensiero. Mi prendo tutto il tempo necessario a esprimere al meglio quel che penso.

Prima di parlare bisogna ascoltare. Nessuno ha sempre ragione, neanche io. Ascolto con onestà e apertura.

Le parole sono un ponte. Scelgo le parole per comprendere farmi capire avvicinarmi agli altri.

Le parole hanno conseguenze. So che ogni mia parola può avere conseguenze, piccole o grandi.

Condividere è una responsabilità. Condivido testi e immagini solo dopo averli letti, valutati, compresi.

Le idee si possono discutere. Le persone si devono rispettare. Non trasformo chi sostiene opinioni che non condivido in un nemico da annientare.

Gli insulti non sono argomenti. Non accetto insulti e aggressività, nemmeno a favore della mia tesi.

Anche il silenzio comunica. Quando la scelta migliore è tacere, taccio.

Gianni Morandi

Testimonial del Manifesto della comunicazione non ostile