Getty Images 470105834
Diritti umani

Per 1 italiano su 2 la tortura nel nostro Paese non esiste

12 Aprile Apr 2017 1305 12 aprile 2017
  • ...

È la risposta allarmante di oltre 20 milioni di cittadini, secondo cui da noi non si verificano fenomeni di questo tipo, eppure nella memoria collettiva rimangono scolpiti tra i casi più drammatici di violazione dei diritti umani, i fatti del G8 di Genova del 2001, a cui gli italiani pensano prima, rispetto a fatti molto più recenti, come le tragiche morti di Stefano Cucchi e di Giulio Regeni

In Italia si pratica la tortura? No. E’ l’allarmante risposta di oltre 20 milioni di italiani che ritengono che il nostro paese sia esente da fenomeni così drammatici. E sebbene i nostri connazionali pensino, più in generale, che la violazione dei diritti umani non sia una pratica esclusiva dei paesi islamici (come ritiene solo l’8% del campione) o di quelli dittatoriali (lo pensa il 14%), ma una deroga ai principi (in teoria riconosciuti da tutti) praticata in molti paesi occidentali (lo afferma quasi l’80% del campione), la tortura sembra essere una drammatica realtà anche nostrana solamente per tre italiani su 10 (si arriva quasi al 40% nel caso di under 35).

É la fotografia scattata da un’inedita indagine realizzata da Doxa per Amnesty International su un campione rappresentativo della popolazione italiana over 30 (pari a 43,2 milioni di individui) presentata oggi dall’Organizzazione che dà anche il via alla campagna di raccolta fondi con il 5x1000.

Per quanto riguarda le violazioni dei diritti umani, gli italiani non hanno alcun dubbio e rispondono che i casi di violazione più eclatanti sono i fatti drammatici di 16 anni fa del G8 di Genova, alla scuola Diaz e nella caserma di Bolzaneto (per l’87% degli intervistati), che restano scolpiti nella memoria collettiva e a cui gli italiani pensano prima anche rispetto a fatti molto più recenti - seppure anch’essi molto noti - come le tragiche morti di Stefano Cucchi (86%) e di Giulio Regeni (84%).

Per quasi 25 milioni di italiani è molto importante che il nostro governo faccia pressione internazionale per ridurre le violazioni dei diritti umani in altri paesi del mondo. Resta però un’ampia fetta (43%) che ritiene che non bisogna ingerire nelle decisioni di altri paesi o addirittura che dobbiamo concentrarci sui “fatti di casa nostra” e curarci degli interessi dei cittadini italiani.

Anche se è solo il 33% degli italiani a ritenere che in Italia avvengano casi di tortura, a fronte di un 50% secondo cui questa non avviene nel nostro Paese (e il restante 17% non sa), la mancanza di rispetto per i più elementari diritti umani viene vissuta dei nostri connazionali come una materia importante su cui intervenire. A tal punto che ben sei italiani su 10 sono favorevoli all’introduzione nel nostro ordinamento di uno specifico reato di tortura.

Secondo 34 milioni di italiani i diritti umani vengono violati potenzialmente in ogni paese, anche in quelli appartenenti alle cosiddette democrazie occidentali. Grazie a questa premessa, si spiega come mai oltre 6 italiani su 10 ritengono che nel nostro ordinamento dovrebbe essere previsto esplicitamente il reato di tortura, di cui si discute da quasi 30 anni.

“Sebbene un italiano su due ritenga che la tortura nel nostro paese non esista, la sensibilità verso la difesa e le violazioni dei diritti umani che hanno ottenuto maggiore spazio sui mezzi d’informazione destano interesse e partecipazione, tanto che sei italiani su 10 si dichiarano esplicitamente favorevoli a prevedere il reato di tortura nel nostro ordinamento giuridico” – dichiara Riccardo Noury portavoce Amnesty International Italia. “Da questa indagine emerge con chiarezza che dobbiamo continuare a lavorare con tutte le nostre forze per portare all’attenzione delle istituzioni, dell’opinione pubblica e dei media il tema della tortura, far crescere la consapevolezza su quello che avviene nel nostro paese e fuori dai nostri confini, dare voce a chi non ce l’ha”.

La mission di Amnesty International, infatti, continua a essere percepita in una logica coerente con questa idea (lo pensa la quasi totalità del campione con ben tre italiani su quattro): polarizzata soprattutto su ciò che accade all’estero, senza dimenticare di presidiare quello che succede in Italia. Ogni giorno, nel mondo, migliaia di persone subiscono gravi violazioni dei diritti umani, dall’innalzamento dei muri in Europa e nel mondo e i trattamenti disumani riservati a migranti, richiedenti asilo e rifugiati, a crimini di guerra, rapimenti e torture in decine di paesi fino alla repressione della libertà individuale, di espressione e di stampa.

Contenuti correlati