Musica Unsplash Aj O Reilly 29462
Fondazione Arché

Maggio musicale a Quarto Oggiaro

5 Maggio Mag 2017 1019 05 maggio 2017
  • ...

Mercoledì 17, 24 e 31 maggio alle 21 a CasArché, in via Lessona 70, Milano, tre concerti di musica classica, gratuiti, ed aperti a tutta la cittadinanza. «Quando abbiamo progettato CasArché», ha raccontato padre Giuseppe Bettoni, presidente e fondatore della Onlus, «volevamo dar vita ad un luogo di bene comune»

Tre concerti di musica classica, gratuiti e aperti a tutti, nella suggestiva cornice della corte interna di CasArché. Un modo per stare insieme, mamme, bambini, e abitanti di Quarto Oggiaro e vivere tre serate di “pura bellezza”.

Si chiama “Maggio musicale nella Corte di Quarto” ed è l’iniziativa che Fondazione Arché Onlus organizza per tre mercoledì di fila, il 17, 24 e 31 maggio alle 21, nel luogo di bene comune inaugurato ad ottobre dal sindaco di Milano Beppe Sala alla presenza anche del sindaco di Novate Milanese Lorenzo Guzzeloni.

Tre musicisti di spessore che si esibiranno con il fortepiano (un pianoforte antico) e il liuto, mentre l’ultima serata sarà dedicata al grande Enzo Jannacci, il cantore del popolo e della vita vera, la voce di tutti noi.

“Quando abbiamo progettato CasArché – ha raccontato padre Giuseppe Bettoni, presidente e fondatore della Onlus – non volevamo solo aprire una comunità di accoglienza per mamme e bambini ma fare qualcosa di più: dar vita ad un luogo di bene comune, dove la fraternità è possibile. Un microcosmo dove l’accoglienza è spinta verso il domani, dove la religione non diventa un diaframma che separa, ma vita spirituale e umana, dove la diversità di lingua e di cultura sono ricchezza e bellezza”.

E dunque, perché la musica classica? “CasArché è un luogo di bellezza – racconta Ignazio Carbone, membro dell’Advisory Board di Arché ed ideatore dell’iniziativa – e la musica classica è bellezza a sua volta. Il suo valore è senza tempo, il suo ascolto porta armonia nel cuore, infonde un senso di benessere e ti aiuta a raggiungere la parte più profonda della tua anima”.

Contenuti correlati