Getty Images Badanti
Trend

Badanti, in Toscana è boom delle italiane

15 Maggio Mag 2017 1114 15 maggio 2017
  • ...

In base a un'indagine condotta dal Patronato Acli, le nostre connazionali che scelgono di fare le assistenti ad anziani sono aumentate del 25% negli ultimi tre anni, superando polacche e ucraine. E le richieste di badanti nella città di Firenze sono raddoppiate. Un segno dei tempi

Da poco più di 300 a quasi 400 in soli tre anni: aumentano le badanti italiane a Firenze e in Toscana, secondo quanto segnalano i numeri del Patronato Acli, che ha svolto un'indagine condotta sulle richieste rivolte al Patronato della Toscana. Un incremento di circa il 25 per cento, che fa sì che le italiane siano le bandati più numerose dopo quelle rumene. Segno dei tempi che cambiano, complice la crisi economica. L’aumento delle badanti italiane - segnalano sempre le Acli - va comunque di pari passi con l’aumento delle badanti in generale, una professione sempre più ricercata in un Paese che invecchia.

Ecco i numeri. In Toscana le badanti italiane, attivate attraverso il Patronato Acli, erano 305 nel 2015, sono diventate 350 nel 2016 e 396 nel 2017. Anche queste ultime, continuano ad aumentare, seppur di poco (dalle 771 del 2015 alle 788 del 2017). Diminuiscono invece le badanti polacche (passate da 144 a 129 nello stesso arco di tempo) e quelle ucraine, al terzo posto per quantità, che registrano un brusco calo (da 303 a 273). Aumentano invece le assistenti domestiche filippine (da 188 a 210) e quelle georgiane (da 171 a 190).

Per quanto riguarda la provincia di Firenze, anche in questo caso si registra la tendenza dell’aumento delle badanti italiane, con un incremento del 25% negli stessi tre anni presi in esame. Aumentano anche le filippine, raddoppiano le georgiane. Aumentano anche le rumene e le peruviane. Complessivamente, la richiesta di un servizio badanti a Firenze presso il Patronato Acli è raddoppiato. «Il lavoro di cura era una tradizione dell’Italia di sessanta anni fa, oggi viene riscoperto dalle nostre concittadine in seguito al cambiamento endemico della società, sempre più anziana», commenta Giacomo Martelli, presidente Acli Toscana, che aggiunge: «E’ anche la perdita del lavoro e la disoccupazione che porta molti italiani a riscoprire quelli che comunemente vengono denominati lavori umili».

Contenuti correlati