Donne Immigranti
Migranti

Svezia, tre esempi di inclusione

8 Giugno Giu 2017 1613 08 giugno 2017
  • ...

Nel sud della Svezia i membri europei del network Social Platform hanno visitato tre progetti per l'integrazione dei migranti, in particolar modo quella lavorativa.

I membri europei di Social Platform hanno visitato tre progetti che supportano i migranti nel sud della Svezia, per conoscere le ragioni del loro successo.
Il primo si trova a Malmö, nella zona di Rosengård, un quartiere altamente popolato da immigrati. L’organizzazione Yalla Trappan promuove l’autonomia e la leadership delle donne migranti con poca o nessuna educazione, senza precedenti esperienze di lavoro. Queste donne sono tra i membri più esclusi della società. L’organizzazione ha un ristorante, un servizio di catering, uno di pulizia e uno di conferenze. Le donne migranti ottengono tirocini e offerte di lavoro nel ristorante e nel servizio di catering. Questo grazie all’esperienza che hanno maturato negli anni in cui si sono prese cura delle loro famiglie. Offrendo alle donne migranti tirocini e lavori nell’area di Rosengård, ad alta densità di migranti , Yalla Trappan aiuta a rompere l'isolamento e l’esclusione. Grazie al lavoro le donne acquistano autostima e sicurezza, ottengono un lavoro per la prima volta i da quando vivono in Svezia, ma anche riescono a votare alle elezioni politiche per la prima volta perchè ora hanno una voce. Yalla Trappan opera come cooperativa da 6 anni. Una delle ultime collaborazioni è con Ikea, dove è stato creato un laboratorio di cucito, in cui lavorano le donne migranti.

Sempre a Malmö i membri di Social Platform hanno visitato Merit, una società privata che offre servizi da parte del Comune.
I migranti devono affrontare molte sfide per avere accesso al mondo del lavoro-alcuni non hanno le competenze linguistiche necessarie, altri non hanno aiuti per occuparsi delle loro famiglie. Merit ha vinto l’appalto per aiutare i migranti a superare queste sfide, e aiutarli a trovare infine dei lavori che corrispondano alle loro capacità e interessi individuali.
L'attività principale di Merit è quella dell’insegnamento dello svedese per immigrati e di fare coaching. Per 4 anni Merit ha operato come un progetto del Fondo Sociale Europeo focalizzato sul rimuovere gli ostacoli all’occupazione di donne e uomini in congedo di maternità/paternità. Avere molti bambini può significare molti anni di completa esclusione dal mercato del lavoro. In totale questo progetto ha coinvolto 600 studenti e 1.000 bambini. Presso Merit i bambini hanno trovato una baby sitter che si prendesse cura di loro. Per molte donne è stata la prima volta in cui è stato loro chiesto che cosa avrebbero voluto fare nel futuro e dato un supporto per arrivarci.

Merit ha avviato una partnership con il Good Morning Hotel a Helsingborg, che offre tirocini e ospita i partecipanti nelle facilities dell’albergo offrendo loro corsi di lingua. Il progetto aiuta a portare lavoratori migranti appena arrivati all’interno del mercato del lavoro.

Infine i membri di Social Platform hanno visitato a Helsingborg Ester Foundation, un’impresa sociale che aiuta le donne con un background di migrazione a diventare imprenditrici. Ester Foundation è stata fondata da un gruppo di donne che hanno appreso i principi del microcredito in India, e ne hanno portato il modello in Svezia. Normalmente il supporto del mercato del lavoro dura solo tre mesi e una volta che si è registrata una società si è considerati self-employed e non si è più candidabili per nessun supporto finanziato dall’Unione Europea. Viceversa Ester Foundation offre in totale un programma di 18 mesi per donne migranti che vogliano iniziare il loro business, dal momento che hanno bisogno di tempo non solo per costruire il loro business ma anche la loro autostima dopo aver sperimentato discriminazione nel mercato del lavoro.

Contenuti correlati