SSF2
Citizenship

Lo sport per stare bene divertendosi con Topolino

14 Giugno Giu 2017 1243 14 giugno 2017
  • ...

Si chiama "Dalla parte dei bambini" la collaborazione che vede The Walt Disney Company Italia e Sport Senza Frontiere onlus insieme nel progetto #divertiamociastarebene che al momento ha visto 40 bambini delle periferie milanesi seguire un programma annuale di allenamento, screening sanitari e supporto psicologico per favorire il loro benessere e l'inclusione sociale

Favorire la buona crescita di tutti i bambini e in particolare di quelli in difficoltà. È questo l’obiettivo del progetto “Divertiamoci a star bene” che vede The Walt Disney Company Italia sostenere Sport Senza Frontiere onlus e che si concretizza in una collaborazione denominata “Dalla parte dei bambini”.
Lo strumento utilizzato è lo sport, promosso come occasione per stare bene con sé e con gli altri, vissuto come un veicolo di accessibilità al gioco e alle buone abitudini di tutta la famiglia.

Il programma di Citizenship “Dalla Parte dei Bambini” – sottolinea una nota - fa parte del progetto firmato Disney Italia “Divertiamoci a Stare bene” che vuol ispirare le famiglie ad adottare corretti stili di vita in maniera semplice e divertente supportando anche la promozione dello “sport per tutti”, che caratterizza la mission della onlus Sport Senza Frontiere. Divertiamoci a Stare Bene è la traduzione italiana di un programma a lungo termine che The Walt Disney Company ha abbracciato a livello globale per ispirare le famiglie ad adottare e mantenere corretti stili di vita.

Il progetto - si sottolinea - non punta a crescere dei campioni ma dei bambini felici di divertirsi insieme. Stare bene è infatti un diritto dei bambini, così come farli stare bene è un dovere di tutti. Per questo, con i“Divertiamoci a Stare Bene”, Disney fa leva proprio sulle sue storie e sui personaggi per dare un aiuto concreto a seguire uno stile di vita sano ed equilibrato. Da parte sua Sport senza Frontiere - che opera sul territorio italiano - si impegna con i minori attraverso una rete sportiva solidale, coinvolgendo tutti gli interlocutori, dai centri sportivi agli istituti medico sanitari, per arrivare alle famiglie e alle scuole per garantire il diritto allo sport e alla salute soprattutto alle fasce sociali più svantaggiate.

Daniel Frigo, Ad di The Walt Disney Company Italia si dice convinto che «l’accessibilità allo sport e, più in generale, alla bellezza del movimento quotidiano sia per i bambini una leva essenziale per la loro buona crescita, così come siamo certi che le buone abitudini, come uno stile alimentare equilibrato, si possano trasferire solo con il divertimento, la motivazione e lo spirito di squadra. Favorire una buona alimentazione è infatti un pilastro portante di questo progetto, che vuole aiutare bambini e famiglie a divertirsi anche a tavola: per questo Disney e Sport Senza Frontiere assieme possono fare molto».

«I risultati positivi ottenuti in questi anni con i bambini che prendiamo in carico, in termini di integrazione e benessere psicofisico, ci hanno fatto capire sempre di più che siamo sulla strada giusta e che aiutare le famiglie disagiate, facendo fare attività sportiva gratuita ai loro figli, significa dare loro la possibilità di una vita migliore. Poter avere il supporto di Disney Italia e condividere insieme questi obiettivi che fanno parte della nostra mission è stato un grande risultato per la nostra associazione», commenta Alessandro Tappa, presidente di Sport Senza Frontiere Onlus. «Grazie a questo progetto sono stati inseriti nel programma di inclusione sociale attraverso lo sport e di prevenzione sanitaria, 40 bambini disagiati, che sono seguiti e monitorati uno ad uno come è nella mission della onlus, che crea un percorso di permanenza di almeno due anni affinché il bambino viva un’esperienza educativa che possa avere un impatto significativo sulla sua vita. Sono 10 le associazioni sportive coinvolte su Milano che accolgono i bambini, il che allarga la ricaduta del progetto anche a un numero cosiderevole di “beneficiari indiretti”. In questo periodo abbiamo effettuato le visite mediche necessarie, tenendo man mano monitorato il loro andamento. Ecco perché crediamo che “lo sport possa cambiare il mondo”».

Partito a inizio 2017 il programma ha incluso, ad oggi, 40 bambini residenti nella aree Nord Ovest (Fiera, Quarto Oggiaro) ed Est (Forlanini, Quartiere Gallaratese) di Milano in un programma annuale di allenamenti, screening sanitari e supporto psicologico per favorire il loro benessere psicofisico e la loro socializzazione. In linea con il progetto, anche i ragazzi di Sport Senza Frontiere beneficeranno della magia dello story-telling e dei personaggi Disney, lasciandosi coinvolgere sia nelle discipline sportive che nelle buone abitudini nutrizionali incoraggiate da “Divertiamoci a Stare Bene”.

Sostenere le famiglie e permettere a tutti di accedere alle attività sportive è solo il primo passo: un avviamento allo sport rilevante per i 40 bambini coinvolti, che apporta un beneficio significativo anche alle loro famiglie raggiungendo così circa 200 beneficiari diretti. I protagonisti che partecipano al progetto sono anche le 10 società sportive che rappresentano la rete di Sport Senza frontiere, includendo così altri 1000 beneficiari indiretti e permettendo 80 screening sanitari comprensivi di elettrocardiogramma.

Il progetto proseguirà su Milano e potrebbe poi avere ulteriori sviluppi anche in altre città italiane.

Contenuti correlati