Immigrazione

Nuti (M5S): Il Governo spieghi i criteri di assegnazione dei fondi ai Comuni del progetto Sprar

4 Luglio Lug 2017 1738 04 luglio 2017

Riccardo Nuti è stato autore di un'interpellanza parlamentare che chiede di capire i criteri dell'assegnazione dei finanziamenti ai progetti di accoglienza diffusa Sprar. Qui spiega perchè non gli basta la risposta di Matteo Biffoni sindaco di Prato e delegato Anci all'immigrazione

  • ...
Migranti LOUISA GOULIAMAKI:AFP:Getty Images
  • ...

Riccardo Nuti è stato autore di un'interpellanza parlamentare che chiede di capire i criteri dell'assegnazione dei finanziamenti ai progetti di accoglienza diffusa Sprar. Qui spiega perchè non gli basta la risposta di Matteo Biffoni sindaco di Prato e delegato Anci all'immigrazione

Ho letto con molta attenzione le parole del sindaco di Prato e delegato Immigrazione dell’Anci, Matteo Biffoni (qui l'intervista). Occorre precisare che, come si evince chiaramente dall’atto parlamentare presentato (qui il testo)e da cui attendo risposta dal ministro dell’Interno, Marco Minniti, non è sotto attacco il progetto Sprar tout-court, ma la modalità attraverso cui vengono assegnati i soldi. Sarebbe bastato a Biffoni leggere i quesiti rivolti al ministro per capire che nessuno vuole processare acriticamente il progetto Sprar, ma comprendere «per quali ragioni sia stata registrata una disparità nell'assegnazione dei fondi per l'accoglienza e l'asilo, anche a parità di punteggio conseguito o di numero di rifugiati assistiti» e «quale metodo sia impiegato per decidere l'importo dei finanziamenti da elargire».

Prima di entrare nel merito, è doveroso sottolineare ancora una volta – e gli ultimi fatti di cronaca lo dimostrano – che la partita sui migranti riguarda tutta l’Europa che per ora ha preferito voltarsi dall’altra parte, lasciando ogni incombenza all’Italia, per anni dimostratasi troppo accondiscendente e ora costretta a pagarne le conseguenze. Su un punto, però, sono d’accordo con Biffoni: è vero, soluzioni in parte ci sono. E un primo passo sarebbe quello di assegnare in maniera logica e razionale i fondi ministeriali. E invece, mentre ci si aspetterebbe un atteggiamento costruttivo da parte del sindaco e delegato Anci per la soluzione di un problema, lo stesso dice: «Ma come è possibile fare dichiarazioni del genere? È imbarazzante, è come se chi scrive non sappia nulla riguardo al funzionamento dello Sprar». Ecco, esattamente come si ricorda anche nell’atto parlamentare, la prima a sollevare dubbi sulla gestione e assegnazione dei fondi per lo Sprar è stata la Corte dei Conti che, in relazione allo stanziamento 2015, sottolinea l’esigenza di «utilizzare in modo efficace i fondi stanziati per l’accoglienza», dato che si notano casi in cui la differenza di assegnazione è, testuale, «chiaramente sproporzionata». Peccato però che l’allarme lanciato dall’autorevole organo giudiziario a poco sia servito dato che la situazione che si è proposta pare essere la stessa.

Riccardo Nuti

Perché, certo, ha ragione Biffoni quando afferma che «il costo cambia a seconda di cosa chiede il singolo Comune nel presentare il proprio progetto», ma è anche vero che, ovviamente, c’è una graduatoria e ci sono punteggi assegnati proprio, com’è giusto che sia, in relazione ai progetti presentati. E allora non trova alcuna giustificazione che, torno a ribadire a mo’ di esempio, il comune di Carunchio (Chieti) ospiterà 45 rifugiati, ma riceverà più del comune di Partinico (793mila euro contro i 760 della città palermitana) pur avendo ottenuto un punteggio più basso in graduatoria (60,0 quello raggiunto da Carunchio; 64,0 quello di Partinico). Ed è solo uno dei tanti casi che si potrebbero fare e che, appunto, presento nel mio atto e sottopongo all’attenzione del ministro.

Tutti siamo in attesa della risposta del Governo. Solo allora capiremo se a decidere sui fondi siano criteri razionali (come tutti ci auguriamo) oppure, come dico non io ma la Corte dei Conti, più di qualcosa non va nell’assegnazione di pur corposi contributi.

Contenuti correlati