Lega Del Filo D Oro 1
Lega del Filo d'Oro

Il primo social bond che sostiene chi non vede e non sente

1 Settembre Set 2017 1124 01 settembre 2017
  • ...

Ubi Banca e Lega del Filo d'Oro lanciano "UBI Comunità per la Lega del Filo d’Oro". Uno strumento in più di raccolta fondi, a sostegno delle attività delle sezioni territoriali della "Lega"

Un Social Bond per la Lega del Filo d’Oro. Lo lancia Ubi Banca e si chiama “UBI Comunità per la Lega del Filo d’Oro”. Sono obbligazioni che contribuiranno a sostenere le attività dei Servizi Territoriali dell’Associazione, attraverso il progetto “Vicini a chi non vede e non sente: i Servizi socio educativi della Lega del Filo d’Oro”.

In Italia le persone sordocieche sono 189 mila e oltre la metà (57%) è di fatto confinata in casa non essendo autosufficiente nelle più elementari necessità quotidiane. Grazie al progetto “Vicini a chi non vede e non sente: i Servizi socio educativi della Lega del Filo d’Oro” si potrà sostenere l’attività di cura e assistenza delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e delle loro famiglie.

Che cosa sono i Social Bond? Sono prestiti obbligazionari, finalizzati al sostegno di iniziative di elevato interesse sociale. Offrono ai sottoscrittori un rendimento di mercato e prevedono che la banca eroghi somme di denaro a titolo di liberalità o finanziamenti a condizioni competitive a sostegno di progetti o investimenti per favorire l'innovazione sociale. In sostanza i social bond permettono di coniugare, nelle scelte di investimento, obiettivi economici individuali (avere una remunerazione dell'investimento) con quelli di interesse generale (favorire la realizzazione di iniziative che creano valore per la società). Ubi Banca ha emesso in questi anni 82 Social Bond UBI Comunità, a partire da aprile 2012, per oltre 878 milioni di euro di obbligazioni solidali collocate, 4 milioni di euro di contributi devoluti a titolo di liberalità e 20,55 milioni di euro di plafond di finanziamenti stanziati. “UBI Comunità per la Lega del Filo d’Oro” è il primo a sostegno di questa Associazione storica, che da oltre 50 anni è al fianco di chi non vede e non sente.

«I Social Bond sono stati presi a riferimento per la formulazione dei Titoli di Solidarietà nell’ambito della Riforma del Terzo Settore: una conferma dell’importanza dello strumento», afferma Frederik Geertman, Chief Commercial Officer di UBI Banca. «La loro caratteristica di soddisfare le esigenze di allocazione del risparmio dei nostri clienti offrendo al contempo l’opportunità di contribuire alla realizzazione di importanti progetti sociali ne spiega il costante successo. UBI Banca realizza così delle partnership di valore, come quella costruita con la Lega del Filo d’Oro, i cui effetti sono puntualmente misurabili in termini di impatto sociale».

Le obbligazioni “UBI Comunità per la Lega del Filo d’Oro” hanno un taglio minimo di sottoscrizione pari a mille euro, una durata di 3 anni, cedola semestrale, tasso annuo lordo pari al 0,45% il primo anno (0,333% netto annuo), 0,55% il secondo anno (0,407% netto annuo) e 0,70% il terzo anno (0,518% netto annuo). Possono essere sottoscritte dal 10 agosto 2017 al 29 settembre 2017, salvo chiusura anticipata o estensione del periodo d’offerta.

«Ringrazio Ubi Banca per aver deciso di sostenere l’Associazione – dichiara Rossano Bartoli, Segretario Generale della Lega del Filo d’Oro (in foto) – e mi auguro che tante persone aderiscano a questa iniziativa. In oltre 50 anni di attività la Lega del Filo d’Oro è cresciuta e si impegna a continuare in questa direzione anche per il futuro: partnership importanti come questa ci aiutano a perseguire i nostri obiettivi e offrire sempre più servizi per le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e le loro famiglie».

Per maggiori informazioni visitare il sito: https://www.ubibanca.com/social-bond-lega-del-filo-d-oro

Contenuti correlati