ABZERO X
Innovazione

Il drone che trasporta sangue: Abzero-X vince #NatiPer 2017

25 Ottobre Ott 2017 1238 25 ottobre 2017
  • ...

Il contest di AXA Italia ha premiato una startup pisana che attraverso la biomedica e la robotica velocizzerà il trasporto di sangue, emoderivati e farmaci tra strutture sanitarie 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 entro i 40 km di distanza. Il prototipo sarà pronto nella primavera 2018

«Immagina che si possa trasportare sangue con un drone»: nasce così, da questa suggestione un po’ casuale, l’idea di ABZERO-X. Andrea Cannas, architetto esperto in sistemi di progettazione e controllo e Giuseppe Tortora, ingegnere biomedico-robotico da quella conversazione hanno sviluppato un progetto in collaborazione con il reparto di immunoematologia dell’Ospedale di Pisa e la Direzione Sanitaria del Policlinico Gemelli di Roma: è nato così “ABZERO-X, un drone per la vita”, che oggi si è aggiuidaco i 50mila euro del premio #NatiPer 2017. Al contest di AXA Italia dedicato a progetti di innovazione capaci di migliorare la vita delle persone, hanno partecipato dal 2014 ad oggi più di 1.300.

ABZERO-X è stato presentato dalla startup pisana Abzero, nata nel febbraio 2017: è un progetto di “ingegneria di frontiera” che si pone l’obiettivo, attraverso la biomedica e la robotica, di influire positivamente sulla medicina e quindi sulla vita delle persone. Il concept del drone prevede il trasporto di sangue, emoderivati e farmaci tra strutture sanitarie 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 entro i 40 km di distanza in totale sicurezza, e segna un notevole passo in avanti nella gestione delle emergenze in cui il fattore tempo è essenziale.

Il team utilizzerà il premio euro per realizzare il primo prototipo completo del drone, sicuro e certificato, e per implementare il software della capsula contenitrice. Vera e propria cabina di regia, la capsula potrà contenere fino a 15 sacche di sangue, gestirà la fase di volo, monitorerà i dati relativi al materiale trasportato e comunicherà costantemente con la sala di controllo. La realizzazione del primo prototipo è prevista nel corso della primavera del 2018.