Manichino Arte
Sacra Famiglia

Arteticamente, i laboratori creativi di Cesano Boscone si aprono al territorio

30 Ottobre Ott 2017 1434 30 ottobre 2017
  • ...

Dalla ceramica alla falegnameria, dalla pittura al riciclo, dal restauro al fai date, tutti potranno dare sfogo alla creatività con il supporto e la guida degli esperti di Fondazione

Fondazione Sacra Famiglia dà il via ad Arteticamente, uno spazio di incontro educativo tra arte e artigianato che da ottobre coinvolge il territorio e l’intera comunità di Cesano Boscone, offrendo corsi per il tempo libero e progetti didattici rivolti a bambini, giovani e adulti. Grazie alla guida di istruttori esperti, i partecipanti potranno cimentarsi con l’arte del riciclo, con la ceramica e la falegnameria, con il cucito e il gardening, con le arti espressive e il fai da te. L’obiettivo è offrire un luogo di incontro e condivisione dove poter dare libero sfogo alla fantasia e alla creatività.

I corsi si svolgeranno nei laboratori abilitativi ARTETICAMENTE, all’interno dei quali Sacra Famiglia quotidianamente sviluppa percorsi educativi e attività creative destinate ai propri ospiti: ogni anno i laboratori coinvolgono 250 persone con disabilità in 9 ambienti dedicati e 2 serre, con il supporto di 18 figure professionali. Da 120 anni Sacra Famiglia si prende cura dei più fragili, anche attraverso le attività dei laboratori. Qui, infatti, sono nate importanti esperienze d’arte tra cui Normali Meraviglie che, grazie al coordinamento artistico del designer Alessandro Guerriero, hanno dato l’opportunità agli ospiti dell’Istituto di esporre le proprie opere in eventi di spicco per il settore: dalla Design Week, alla mostra La Mano alla Triennale e all’Artigiano in Fiera.

“Il successo e gli incoraggianti risultati raggiunti attraverso le attività proposte nei laboratori ci hanno spinto ad aprire le porte della nostra struttura al territorio – ha dichiarato Paolo Pigni, Direttore generale di Fondazione Sacra Famiglia Onlus –. Vogliamo infatti che Arteticamente diventi un luogo di incontro educativo, condivisione e arricchimento per tutti, così come per i nostri ospiti che ogni giorno partecipano attivamente ai laboratori abilitativi, dove le debolezze e le fragilità non sono visti come un limite ma come un valore aggiunto”.

Contenuti correlati