Teenager Smartphone Gaelle Marcel Unsplash
Scuola

Come funziona l'ammonimento del Questore per il cyberbullo

30 Ottobre Ott 2017 1109 30 ottobre 2017
  • ...

Il MIUR all'interno del Piano Nazionale per l'Educazione al Rispetto ha presentato anche le nuove linee guida per la prevenzione del cyberbullismo, alla luce della legge approvata di recente. Ecco come funzionerà l'ammonimento del Questore per i minori fra i 14 e i 17 anni introdotto dalla normativa

Il MIUR ha presentato le nuove linee guida per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo (in allegato in fondo all'articolo), aggiornando le Linee di orientamento emanate nell’aprile del 2015 in linea con le novità introdotte dalla legge 71/2017. La legge introduce nelle scuole la figura del docente referente, che la scuola individua preferibilmente tra i docenti che posseggano competenze specifiche ed abbiano manifestato l’interesse ad avviare un percorso di formazione specifico. «Il referente», dicono le linee di orientamento, «diventa così l’interfaccia con le forze di Polizia, con i servizi minorili dell’amministrazione della Giustizia, le associazioni e i centri di aggregazione giovanile sul territorio, per il coordinamento delle iniziative di prevenzione e contrasto del cyberbullismo».

Ai docenti referenti, così come ai dirigenti scolastici, «non sono attribuite nuove responsabilità o ulteriori compiti, se non quelli di raccogliere e diffondere le buone pratiche educative, organizzative e azioni di monitoraggio, favorendo così l'elaborazione di un modello di e-policy d’istituto. Tuttavia, al fine assicurare a tutti i soggetti coinvolti in azioni di prevenzione del cyberbullismo strumenti utili per conoscere e attivare azioni di contrasto al fenomeno, il MIUR elaborerà una piattaforma per la formazione dei docenti referenti».

La legge 71 introduce per i minori ultraquattordicenni autori della condotta molesta l’ammonimento del Questore. La richiesta di ammonimento potrà essere presentata presso qualsiasi ufficio di Polizia e dovrà contenere una dettagliata descrizione dei fatti, delle persone a qualunque titolo coinvolte ed eventuali allegati comprovanti quanto esposto. L’ammonimento, in quanto provvedimento amministrativo, non richiede una prova certa e inconfutabile dei fatti, essendo sufficiente la sussistenza di un quadro indiziario che garantisca la verosimiglianza di quanto dichiarato. Qualora l’istanza sia considerata fondata, anche a seguito degli approfondimenti investigativi ritenuti più opportuni, il Questore convocherà il minore responsabile insieme ad almeno un genitore o ad altra persona esercente la potestà genitoriale, ammonendolo oralmente e invitandolo a tenere una condotta conforme alla legge con specifiche prescrizioni che, ovviamente, varieranno in base ai casi. La legge non prevede un termine di durata massima dell'ammonimento ma specifica che i relativi effetti cesseranno al compimento della maggiore età. Pur non prevedendo un’aggravante specifica per i reati che il minore potrà compiere successivamente al provvedimento di ammonimento, tale strumento rappresenta un deterrente per incidere in via preventiva sui minori ed evitare che comportamenti, frequentemente assunti con leggerezza, possano avere conseguenze gravi per vittime e autori.

Photo by Gaelle Marcel on Unsplash

Contenuti correlati