Scala 24517634971 32Dea35a52 O
Solidarietà

Art Bonus: donati 200 milioni, la metà da Lombardia e Piemonte

20 Novembre Nov 2017 1530 20 novembre 2017
  • ...

Secondo le statistiche ufficiali del Mibact, dalla sua entrata in vigore, l’ArtBonus è stato utilizzato da 6.345 mecenati che hanno donato 200.016.780 euro per 1.323 interventi a favore del patrimonio culturale italiano. Bene le regioni del Nord, in netto ritardo il Sud

“Prosegue il successo dell’ArtBonus che supera quota 200 milioni di euro”. Così il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschni presenta l’aggiornamento dei dati sull’utilizzo dell’agevolazione fiscale introdotta dal Governo per incentivare il mecenatismo culturale. Secondo le statistiche ufficiali del Mibact, dalla sua entrata in vigore, l’ArtBonus è stato utilizzato da 6.345 mecenati che hanno donato 200.016.780€ per 1.323 interventi a favore del patrimonio culturale italiano. “Numeri significativi – sottolinea Franceschini - che confermano l’efficacia di una misura importante dal punto di vista materiale, perché con queste risorse si finanzia la cultura e il recupero del patrimonio, ma importante soprattutto dal punto di vista educativo perché sta introducendo nel nostro Paese la cultura del mecenatismo.,Va superato il divario troppo alto tra Regioni. In particolare spero che le grandi imprese decidano di fare scelte di Art Bonus nel mezzogiorno, anche per colmare il divario di forza dei sistemi produttivi nord/sud”.

L’ArtBonus, introdotto nel 2014 con la sua agevolazione del 65% è attualmente una delle più vantaggiose misure fiscali per incoraggiare il mecenatismo presente in Europa. Inizialmente previsto per finanziare: interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici; sostegno a istituti e luoghi della cultura pubblici, Fondazioni Lirico Sinfoniche, Teatri di Tradizione; Realizzazione, restauro e potenziamento di strutture di enti e istituzioni pubbliche dello spettacolo; con la nuova legge sullo spettacolo dal vivo, è stato esteso a tutti teatri (nella foto di Marco Trovò, la Scala di Milano). Grazie a questa ultima novità legislativa anche le orchestre, i teatri nazionali, i teatri di rilevante interesse culturale, i festival, i centri di produzione teatrale e di danza, i circuiti di distribuzione potranno dunque avvalersi del vantaggioso credito d’imposta.

Contenuti correlati