Baim Hanif Erasmus Università Photo By Baim Hanif On Unsplash
Giovani

Dal 2018 cresce il contributo per gli studenti in Erasmus

20 Dicembre Dic 2017 1214 20 dicembre 2017
  • ...

La Commissione Europea darà un contributo più ricco, pari a 700 euro mensili, agli studenti in partenza verso mete extra UE, e 850 euro mensili ai ragazzi stranieri in entrata

L’Erasmus fuori Europa dal 2018 sarà più sostenibile. La Commissione Europea infatti darà un contributo più ricco, pari a 700 euro mensili, agli studenti in partenza verso mete extra UE, e 850 euro mensili ai ragazzi stranieri in entrata. Dal prossimo anno accademico inoltre gli studenti europei avranno la possibilità di svolgere un tirocinio in un Paese del resto del mondo.

Le novità sono contenute nell’International Credit Mobility, inserita dalla Commissione Europea nel Programma Erasmus+, con l’intento di valorizzare e finanziare la mobilità verso il nostro continente. Nel 2015-2016, ha coinvolto 26.250 tra studenti e staff accademico, di cui 18.852 ospitati in Atenei europei, provenienti soprattutto dai Paesi del Partenariato Orientale, dai Paesi del Sud Mediterraneo, dai Balcani, dall’Asia e dalla Federazione Russa. L’Italia ha già partecipato con 2.255 mobilità, di cui 605 in uscita e 1.650 in entrata. Gli studenti coinvolti sono stati 1.443, di cui 1.139 arrivati nei nostri Atenei e provenienti soprattutto da Ucraina, Cina, Russia, Serbia e Marocco. I 304 partiti hanno scelto per lo più la Federazione Russia, Marocco, Stati uniti, Tunisia e Canada.

Per il Direttore Generale dell’Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire, Flaminio Galli, «in questa iniziativa l’Italia ogni anno riesce ad attribuire in modo efficace il 100% dei fondi provenienti dall’Europa». Lo studente che parte in media ha 24 anni e il suo soggiorno dura 5 mesi e mezzo. È molto alta la presenza di giovani donne, che arriva al 63% tra gli studenti stranieri., Il 98,4% degli studenti in entrata nel nostro Paese si è dichiarato molto o abbastanza soddisfatto dell’esperienza fatta. In generale il 90% degli studenti sarebbe disponibile a lavorare in un contesto internazionale.

Photo by Baim Hanif on Unsplash

Contenuti correlati