Schermata 2018 01 24 Alle 10
Terrorismo

Kamikaze assaltano la sede di Save the Children di Jalalabad in Afghanistan

24 Gennaio Gen 2018 1002 24 gennaio 2018
  • ...

«Non abbiamo notizie certe, siamo molto preoccupati per l’incolumità del nostro staff. L’unica cosa certa è l’attacco», è il commento del communication manager della ong Filippo Ungaro

«Adesso siamo molto preoccupati di quello che è successo e dell’incolumità del nostro staff. Possiamo, al momento, solo confermare che c’è stato un attentato. Notizia confermataci da Mariam Attaie, nostra portavoce nel Paese, che ci ha detto “c'è stata un'enorme esplosione, sembrava un'autobomba”».

È il commento carico di angoscia di Filippo Ungaro, communication manager di Save the Children Italia delle notizie che arrivano dall’Afghanistan. Questa mattina intorno alle 9 un gruppo di kamikaze ha lanciato un attacco contro la sede della ong, a Jalalabad, capitale della provincia orientale afghana di Nangarhar. C'è almeno un morto, un soldato, mentre 15 sono i feriti, secondo l'agenzia di stampa Pajhwok. Ma ogni informazione è frammentata e difficilmente riscontrabile al momento.

«Non sappiamo dire al momento quante persone fossero nel compound né quanti del nostro staff fossero in loco.», aggiunge Ungaro, che sottolinea: «abbiamo attivato un’unità di crisi che si sta occupando di capire la situazione e reperire informazioni certe».

Save the Children è presente in Afghanistan dal 1976 e ad oggi conta su un organico totale di circa un centinaio di persone.


Le immagini della colonna di fumo dell'esplosione dell'auto bomba di Aska News

«Per ora non vogliamo aggiungere altro. Non sapendo esattamente quale sia la situazione ci muoviamo con grande attenzione anche rispetto ai commenti perché il Paese è in una fase molto delicata e vogliamo evitare di creare difficoltà», conclude Ungaro.