FRS2016 3
Lavoro

Fundraiser, una professione in transito

15 Marzo Mar 2018 1645 15 marzo 2018
  • ...

Prima indagine svolta da The FundRaising School sui suoi ex alunni. Un fundraiser su 2 ritiene che la Riforma del Terzo settore avrà un impatto decisivo sulla sua professione e 7 su 10 pensano che la formazione sia fondamentale

Il valore della formazione e le competenze indispensabili per chi lavora nella raccolta fondi e le principali tendenze di pensiero rispetto all’impatto che avrà la Riforma del Terzo settore sulla professione di fundraiser. sono i temi al centro dell’indagine condotta da The FundRaising School, la scuola di raccolta fondi promossa da Aiccon - Associazione Italiana per la promozione della Cultura della Cooperazione e del Non Profit.
La survey ha coinvolto i partecipanti ai corsi di The FundRaising School degli ultimi 3 anni (2015-2017), il campione è composto per la maggior parte da donne (68,3%) di età compresa tra i 35-50 anni (55%) e provenienti prevalentemente dal Nord-Est Italia (40%).

La quasi totalità dei rispondenti (97%) lavorava al momento della frequentazione dei corsi di The FundRaising School. Di questi, la maggior parte (55%) lavorava in un’organizzazione non profit, mentre il 22% erano liberi professionisti.

A seguito del percorso formativo 8 su 10 hanno dichiarato di lavorare nella stessa organizzazione, chi ha cambiato si è mosso verso la libera professione o verso un’organizzazione operante in un settore differente. L’80% dei rispondenti che lavorano nella stessa organizzazione ha anche mantenuto lo stesso ruolo, chi ha cambiato ruolo ha dichiarato di aver migliorato la propria posizione.

Per il 70% dei rispondenti l’esperienza formativa è stata decisiva per il proprio lavoro

Un altro tema al centro dell’indagine sono state le competenze indispensabili per un fundraiser. Secondo i partecipanti il profilo del fundraiser deve valorizzare 5 meta-competenze: competenze relazionali (ascolto, comunicazione), motivazione, lavoro in team, problem solving e creatività.
Come sottolinea Paolo Venturi, direttore The FundRaising School: «Questa è la prova che per i professionisti della raccolta fondi la dimensione relazionale è centrale rispetto a quella prestazionale».

L’indagine ha confermato un sentiment complessivamente positivo sulla Riforma del Terzo settore: 1 persona su 2 ritiene che avrà un impatto decisivo sulla professione di fundraiser in quanto riconosce il fundraising quale attività necessaria, e non residuale, per le organizzazioni non profit (37%) e perché introduce nuovi strumenti per l’attività di raccolta fondi (15%). Solo il 3% ritiene che avrà un impatto negativo, poiché complica e pone limiti all’attività di raccolta fondi.

Tra i nuovi strumenti introdotti dalla Riforma i più utili sono risultati essere l’aumento delle detrazioni e delle deduzioni per le erogazioni liberali destinate agli enti del Terzo settore (24%), le opportunità legate al social lending e all’equity crowdfunding (19%), la riforma del regime fiscale degli ETS (17%) e l’obbligo di redazione del Bilancio Sociale per enti con entrate superiori a 1 milione di euro (17%).

Contenuti correlati