Carla Fracci Bambina
ActionAid

La vita di Carla Fracci diventa un film

15 Marzo Mar 2018 1622 15 marzo 2018
  • ...

"Danza con Carla" è il nome della nuova campagna di crowdfunding dell'ong per portare sul grande schermo le gesta della danzatrice che ha ispirato generazioni di persone. I fondi, oltre a sostenerne la realizzazione, permetteranno anche l'avvio di progetti nelle scuole dedicati al contrasto degli stereotipi di genere

Un nome che è diventato sinonimo di danza, passione e impegno. ActionAid presenta il progetto “Danza con Carla”, una campagna di crowdfunding per realizzare il primo e unico film-documentario sulla vita di Carla Fracci, una delle protagoniste assolute della danza mondiale. Un vero e proprio archivio segreto, che custodisce momenti magici di arte e bellezza, sarà aperto e condiviso per la prima volta con tutti gli appassionati. Il film raccoglierà momenti pubblici e scene di balletti inediti per ripercorrere un pezzo di storia del nostro tempo. Tutti possono dare il proprio contributo attraverso la piattaforma DanzaconCarla.it, ricevendo in cambio ricompense ed esperienze speciali come ringraziamento per aver sostenuto il progetto. Ecco il video di lancio dell'iniziativa.


Insieme alla realizzazione del film - intitolato semplicemente “Carla” e firmato dalla regista Rita Riboni - i fondi raccolti grazie al crowdfunding sosterranno il lavoro di ActionAid nelle scuole italiane per superare pregiudizi e stereotipi di genere attraverso il gioco, lo sport e la danza. Il progetto coinvolgerà anche insegnanti e genitori e privilegerà le aree periferiche e marginalizzate.

Con queste parole, la stessa Fracci spiega perché ha deciso di raccontare la sua vita in un film: “È importante superare barriere e pregiudizi che impediscono ai giovani di accedere in modo sano e gioioso allo sport, alle attività artistiche e alla danza. Si tratta di strumenti potenti per una crescita consapevole, soprattutto per quelle bambine e quei bambini che non hanno possibilità materiali”. Una storia, quella della Fracci, fatta di umanità, resilienza e inclusione; un esempio di come si possa realizzare il cambiamento, a partire da sé stessi. Da bambina sfollata nella seconda guerra mondiale fino a diventare étoile internazionale della danza, sempre pronta a portare l’arte e la magia della danza ovunque, dai teatri alle piazze.

Una vocazione al cambiamento che è propria anche di ActionAid: “Lavoriamo in oltre 40 Paesi del mondo al fianco degli individui e delle comunità più povere e marginalizzate per ridare loro potere e realizzare un mondo equo e giusto per tutti. Ringraziamo Carla Fracci per aver scelto di essere ambasciatrice di ActionAid e ispirare le persone a lottare contro le ingiustizie sociali, gli stereotipi e la mancanza di opportunità”, dichiara Marco De Ponte, Segretario Generale di ActionAid Italia.

Contenuti correlati