Fondazione Don Gnocchi

Hunova, il robot che aiuta a rimetterti in piedi

8 Aprile Apr 2018 0628 08 aprile 2018

Hunova è il nuovo dispositivo tecnologico-robotico in dotazione alla Don Gnocchi per la riabilitazione dell’equilibrio

  • ...
Web3
  • ...

Hunova è il nuovo dispositivo tecnologico-robotico in dotazione alla Don Gnocchi per la riabilitazione dell’equilibrio

Si chiama Hunova ed è il nuovo dispositivo tecnologico-robotico in dotazione alla Don Gnocchi per la riabilitazione dell’equilibrio. La pedana viene utilizzata in supporto al lavoro del terapista nella riabilitazione dei pazienti colpiti da patologie di natura neurologica come ictus, morbo di Parkinson, sclerosi multipla ma anche nella riabilitazione ortopedica dopo interventi di artroprotesi di anca, di ginocchio o dopo interventi alla colonna vertebrale. Nei casi di protesi di anca e ginocchio infatti quasi sempre si verificano disturbi di percezione dovuti all’impianto della protesi che modifica il modo di camminare del paziente ed è necessario quindi intervenire anche C'è la possibilità di operare sia con il paziente seduto, nei casi più gravi, o in piedi, nel caso di pazienti che progressivamente riacquistano la posizione eretta.

La pedana Hunova è tutta “made in Italy”, essendo stata realizzata dalla Movendo Technology su brevetto dell’Istituto Italiano di Tecnologia. La Fondazione Don Carlo Gnocchi la mette a disposizione nel Centro “S. Maria della Provvidenza” di Roma e, a breve, nel Centro IRCCS “S. Maria Nascente” di Milano. Grazie alla tecnologia di ultima generazione, Hunova offre un’ampia possibilità di esercizi e protocolli riabilitativi, somministrati in forma di gioco (videogame interattivi), così da offrire un trattamento modificabile che si adegua alle performance del paziente durante il recupero e all’evoluzione della sua condizione. Inoltre, permette misurazioni ed estrazione di dati strumentali importanti per monitorare e misurare il recupero del paziente, così da fornire al terapista e al medico informazioni molto importante circa l’efficacia dell’intervento riabilitativo.

Contenuti correlati