Villa Tittoni Desio
Cgm

Turismo culturale: accessibile è meglio

12 Aprile Apr 2018 1129 12 aprile 2018
  • ...

A Villa Tittoni a Desio, venerdì 13 aprile, un convegno affronta la disabilità sensoriale. L'iniziativa sarà preceduta da un living lab a porte chiuse. Al centro dell'attenzione il progetto per cui il consorzio Gino Mattarelli ha scelto lo slogan “Turismo: accessibile è meglio” e che punta all'occupabilità di disabili sensoriali nel settore turistico e culturale

Favorire l’inserimento lavorativo dei disabili sensoriali nel settore turistico è questo l’obiettivo del progetto di Cgm “Barriere Percettive: turismo, cultura, accoglienza” che vede accanto a Cgm Anmil Milano, Immaginazione Lavoro, Mestieri Lombardia, Ana e Enat con Fai ed Ens. Il progetto è finanziato dal Fondo Regionale Lombardo per l’occupazione delle persone con disabilità.

Per affrontare l’accessibilità di Villa Tittoni a Desio e del progetto “Barriere Percettive” è stata organizzata una giornata dedicata all’accessibilità al turismo per le persone con disabilità sensoriali in programma venerdì 13 aprile a Desio nella stessa Villa Tittoni. La giornata sarà articolata in una mattinata di Living Lab a porte chiuse e in un convegno aperto al pubblico al pomeriggio.

A valutare complessivamente le 15 idee progettuali è stata la Provincia di Monza e della Brianza, in qualità di ente capofila di queste azioni di sistema regionali, accogliendone 4 per l’asse della disabilità sensoriale e 4 per l’asse del disability management. (I progetti sono consultabili al sito www.lavoripossibili.it).

“Turismo: accessibile è meglio” è lo slogan che Cgm ha voluto dare al progetto a cui sta lavorando in questi mesi grazie anche al coinvolgimento dei consorzi e delle cooperative sui territori. L’obiettivo è quello di far emergere esperienze di inserimento lavorativo per disabili sensoriali nell’ ambito del settore del turismo e della cultura.

Villa Tittoni a Desio, Palazzo Te a Mantova, BASE a Milano, Ostello Casa Rossa e Museo Internazionale del design ceramico a Laveno Mombello, sono i luoghi selezionati. Dopo un sopralluogo per studiare l’accessibilità dei luoghi e dei momenti di discussione (“living lab”) per capire quali soluzioni poter adottare, il progetto inserirà 12 disabili sensoriali nel mondo del lavoro, grazie a un tirocinio.

Dopo il piccolo living lab che si è tenuto al Museo Internazionale del design ceramico di Laveno Mombello, il 13 aprile è il momento di Villa Tittoni. Il convegno aperto al pubblico (sarà tradotto in Lis e sarà utilizzato un sistema di stenotipia visiva) prende il via alle ore 15,30 (in allegato il programma) presenterà i risultati ottenuti nel living lab, e offrirà l’opportunità di parlare del progetto “Barriere Percettive: turismo, cultura, accoglienza” e di visitare Villa Tittoni.

Contenuti correlati