Premio Zanibelli
Opportunità

Il racconto terapeutico tra saggi e inediti

3 Maggio Mag 2018 1125 03 maggio 2018
  • ...

Al via la sesta edizione del premio letterario “Leggi in salute – Angelo Zanibelli”. La categoria delle opere edite nel 2017 si apre alla saggistica. La miglior opera inedita sarà pubblicata. In occasione della premiazione sarà assegnato anche il premio “Il valore della ricerca clinica” a un giovane under 27

Si chiama “Leggi in salute – Angelo Zanibelli” ed è il titolo di un premio letterario arrivato alla sesta edizione. Al centro del concorso l’idea di raccontare la salute, le tematiche sanitarie e la stessa esperienza di malattia attraverso la narrazione che viene vista come un importante strumento sociale ma anche terapeutico. Due le possibilità di partecipare: con opere edite - all’interno delle quali quest’anno c’è anche una specifica sezione riservata alle opere di saggistica – o con inediti.

Per partecipare al Premio è sufficiente inviare la propria opera entro e non oltre il 10 giugno per la categoria editi, mentre per la categoria inediti entro e non oltre il 30 luglio. Le opere edite devono essere state pubblicate nel corso del 2017. La migliore opera inedita sarà pubblicata grazie a una collaborazione con Cairo Editore.
I moduli di iscrizione e il bando che descrive le modalità di partecipazione sono disponibili online su www.sanofi.it

A presiedere la giuria che vanta personalità del giornalismo, dell'imprenditoria, della medicina, della politica e della cultura italiana, anche quest'anno è Gianni Letta. I finalisti parteciperanno alla cerimonia di premiazione il 2 ottobre all'Ambasciata di Francia a Roma. Durante la serata saranno annunciati i vincitori di entrambe le sezioni.

Nella stessa serata, la giuria attribuirà il premio Personaggio dell’anno in ambito sanitario, destinato alla persona ritenuta meritevole per aver contribuito a una migliore comprensione delle dinamiche in ambito sanitario o clinico, e il premio “Il valore della ricerca clinica”, attribuito a un giovane di massimo 27 anni di età che avrà saputo tracciare, attraverso il proprio elaborato, il futuro della ricerca clinica nei prossimi 10 anni, facendo riferimento alle dinamiche e alle tecnologie in atto nel settore sanitario. Il vincitore avrà l’opportunità di svolgere uno stage annuale presso l’Unità di ricerca clinica di Sanofi Italia.

«Ogni anno mi convinco sempre più del grande valore morale di questo premio che permette alle persone di vincere l’isolamento della malattia, condividendo la propria esperienza e traendone forza», dichiara Gianni Letta, presidente della Giuria del Premio. Gli fa eco il neo presidente e Ad di Sanofi Italia Hubert De Ruty: «Sono orgoglioso di come diamo voce e spazio alle storie di salute. Premiamo il coraggio della condivisione, di chi combatte la malattia ogni giorno e di chi gli sta accanto. Sosteniamo la forza della narrazione perché rispondere ai bisogni del paziente significa anche ascoltare la sua storia e i suoi bisogni».