Light Bulb Current Light Glow Pexels
Fondazione Ant

Sprint4Ideas la call chiude il 30 giugno

4 Giugno Giu 2018 1604 04 giugno 2018
  • ...

Il bando da 50mila euro lanciato in occasione del 40esimo della fondazione ha l’obiettivo di trovare soluzioni innovative da integrare al proprio modello assistenziale. «Ricerchiamo idee che possano migliorare e efficientare tutti i nostri processi per migliorare la vita dei nostri assistiti», spiega Silvia Ciresa di Ant

C’è tempo fino al 30 giugno per partecipare a Sprint4Ideas, il bando da 50mila euro che Fondazione Ant ha lanciato in occasione del suo quarantesimo anniversario. L’obiettivo è trovare soluzioni innovative da integrare al proprio modello assistenziale e trovare risposte inedite ai bisogni concreti dei pazienti oncologici assistiti a domicilio, delle loro famiglie e dello staff socio-sanitario.

Il percorso avviato con Sprint4Ideas è valso a Fondazione Ant il Premio Innovazione Smau | R2B Bologna 2018 che sarà consegnato durante la prossima edizione del Salone Internazionale dell’Innovazione, il 7 e 8 giugno a BolognaFiere.
Giovedì 7 giugno, inoltre, Ant sarà ospite di Live Show, evento live in streaming condotto da Chiara Albicocco di Triwù: insieme agli altri vincitori potrà presentare il bando e confrontarsi con enti e istituzioni che supportano la diffusione di un approccio Open Innovation sia nel mondo industriale che nel Terzo settore.

L’innovazione è nel Dna di Fondazione Ant che da 40 anni, tra le prime in Italia, si occupa di assistenza medico-specialistica domiciliare gratuita ai malati di tumore, con un occhio sempre attento alla personalizzazione, tra umanizzazione delle cure e nuove tecnologie. Con 20 équipe mediche diffuse sul territorio, Ant è oggi la più ampia realtà non profit nel campo delle cure domiciliari ai pazienti oncologici: dall’inizio delle attività a oggi sono state assistite a casa oltre 125mila persone.

La call, sostenuta da Emil Banca, Igea Medical e Vivisol, è aperta a makers, innovatori, start up già avviate, piccole e medie imprese, laboratori di ricerca industriale e reti d’impresa costituite, che potranno partecipare con medical devices, software, presidi sanitari innovativi, progetti di virtual reality, innovazione di processo e sistemi di supporto ai care giver: «Con la call ricerchiamo idee innovative che possano migliorare e efficientare tutti i nostri processi: dalla gestione dei dati sanitari, alla mobilità, all’erogazione dei pasti, fino a soluzioni di realtà virtuale per migliorare la vita dei nostri assistiti», spiega Silvia Ciresa di Ant.

La modulistica per rispondere alla Call è scaricabile dal sito di Fondazione Ant. Una commissione di valutazione selezionerà 5 finalisti che risponderanno alla chiamata e, sulla base di diversi criteri, deciderà come destinare i contributi economici disponibili.

Oltre alle risorse economiche a disposizione del progetto selezionato, grazie alla collaborazione con Réseau Entreprendre Italia, fino a un massimo di tre neo-imprese finaliste parteciperanno a un percorso di accompagnamento offerto dalla stessa Réseau Entreprendre Italia attraverso la propria rete di associazioni territoriali.

Contenuti correlati