XXIV Congresso Nazionale Acri

Fiaschi: «L'innovazione tecnologica è una frontiera per il Terzo settore»

7 Giugno Giu 2018 1500 07 giugno 2018

Da Parma la sintesi dell'intervento della portavoce del Forum. I temi in agenda? "La costruzione di un benchmark etico per il Terzo settore, l’utilizzo degli strumenti finanziari e l’internazionalizzazione"

  • ...
Claudia Fiaschi Resized
  • ...

Da Parma la sintesi dell'intervento della portavoce del Forum. I temi in agenda? "La costruzione di un benchmark etico per il Terzo settore, l’utilizzo degli strumenti finanziari e l’internazionalizzazione"

da Parma -

“L’innovazione tecnologica è una delle sfide che ha di fronte a sé il Terzo settore”. A sostenerlo di fronte alla platea del XXIV Congresso dell’Acri che si è aperto questa mattina a Parma con la relazione del presidente Giuseppe Guzzetti e i saluti del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, è stata la portavoce del Forum del Terzo settore, Claudia Fiaschi. Il tema a cui VITA dedica la copertina del numero del magazine di giugno va declinato nell’ottica di Fiaschi secondo una doppio binario: “Da una parte la gestione delle nuove povertà che questa rivoluzione genererà, ma dall’altra anche l’accessibilità e l’ingresso delle tecnologie nel contesto delle nuove economie sociali”.

“Identità e cambiamento” ha esordito Fiaschi, “è il titolo di questo congresso nazionale delle Fondazioni di origine bancaria e delle casse di risparmio che ben si attaglia anche alle realtà del Terzo settore e che pone una domanda”. “Qual è la nostra identità?”, si chiede Fiaschi. Questa la sua risposta: “Non certo quella di tappare i buchi o di far risparmiare lo Stato, ma quella di cogliere, costruire e testare nuove sperimentazioni sociali, così come è stato in passato, dal 1.200 con i trasporti delle Misericordie al tempo delle grandi epidemie fino ai giorni d’oggi con l’housing e gli ambulatori sociali”. In questo senso naturalmente è cruciale “l’alleanza con il sistema delle fondazioni bancarie nell’ottica di costruire partnership di comunità solide ed efficaci”.

Su questo versante Fiaschi saluta con soddisfazione la fine dell’era “delle erogazioni a pioggia” superati da una prospettiva di “interventi di sistema e di lungo periodo in grado di ridisegnare l’infrastruttura sociale nelle comunità e di indicare le priorità e i modelli di intervento di forte impatto e scalabili”.

Infine l’agenda del prossimi mesi. “La costruzione di un bechmark etico per il Terzo settore, l’utilizzo degli strumenti finanziari e l’internazionalizzazione sono i tre punti focali del nostro impegno dei prossimi mesi”, ha concluso Fiaschi.

Contenuti correlati