ARCI Chiavacci Foto Di Massimiliano Giancristofaro
Persone

Arci, Chiavacci confermata presidente

11 Giugno Giu 2018 1049 11 giugno 2018
  • ...

Si è chiuso domenica 10 giugno il XVII Congresso dell'associazione che si è celebrato a Pescara. Eletto il Consiglio nazionale che vede la presenza di 67 donne su 163 componenti. Diversi anche gli ordini del giorno votati su temi quali il mutualismo, l’antifascismo, l’omotransfobia, il sostegno ai Gay Pride in corso, su ambiente, salute mentale, scuola cultura e su immigrazione e antirazzismo

Si è chiuso domenica 10 giugno il XVII Congresso Arci di Pescara che ha visto la riconferma come presidente nazionale di Francesca Chiavacci, al suo secondo mandato e prima donna nella storia dell’Arci a dirigere l’associazione. I lavori dell’ultima giornata hanno portato anche all’elezione del Consiglio nazionale che vede tra i suoi 163 componenti 67 donne (41,1%) e 96 uomini. Nella stessa giornata di domenica sono stati anche votati diversi ordine del giorno su temi quali il mutualismo, l’antifascismo, l’omotransfobia, il sostegno ai Gay Pride che si stanno svolgendo in tutta Italia, sulle questioni ambientali e legate ai beni comuni, sulla salute mentale, sulla cultura e la scuola, sull’immigrazione e l’antirazzismo, così come sul sostegno al popolo palestinese, a quello Saharawi e sul Kurdistan.

«Ci aspettano quattro anni di grande lavoro, in cui sarà necessario che l’associazione riesca a farsi portatrice di un'idea di futuro fondata su uguaglianza e solidarietà.», ha dichiarato Chiavacci. «Sappiamo che ci aspettano mesi duri perché il nuovo Governo si muove su un terreno che non contempla questi principi, anzi. Sui diritti sarà necessaria un'azione di resistenza, sarà necessario tornare nelle piazze e soprattutto saperle riempire. Sappiamo già che sarà ancor più necessaria la nostra azione culturale diffusa nei territori e per questo dovremo impegnarci ancora di più, per poter essere protagonisti della ricostruzione di un pensiero progressista e di sinistra, che oggi in Italia stenta a trovare la propria espressione».
La presidente ha poi espresso la vicinanza di tutta l’associazione a Ilaria Cucchi: «Condividiamo la preoccupazione di Ilaria sulla grande difficoltà determinata dalla nomina di Matteo Salvini a ministro dell’Interno per raggiungere finalmente la verità sulla morte di Stefano e dei tanti, troppi, che come lui sono morti nelle carceri del nostro Paese in circostanze e con modalità decisamente poco chiare».

Chiavacci, fiorentina classe 1961, è presidente di Arci dal giugno 2014 dopo aver guidato per dieci anni il comitato fiorentino dell’associazione. Dal 1994 al 2001 è stata deputata e in questa veste è stata relatrice della legge sull’obiezione di coscienza e vicepresidente della Commissione Infanzia della Camera. Ha ricoperto inoltre incarichi istituzionali negli enti locali. È presidente della Federazione Arci e componente del Consiglio nazionale del Terzo Settore.

Arci è da sempre impegnata nella battaglia per il raggiungimento della verità e l’affermazione della giustizia, come dimostra anche la presenza, nel pomeriggio di ieri, del giovane Rudra Bianzino che ha emozionato la platea congressuale raccontando la storia del padre Aldo, morto solo dopo 48 ore di detenzione senza che alla famiglia fosse fornita una spiegazione credibile.
Rudra ha lanciato dal palco del congresso Arci la propria petizione perché il dramma che ha travolto la sua famiglia non venga dimenticato e perché la magistratura indaghi sulle vere cause del decesso del padre così come di tutti gli altri casi simili.

In apertura, nella foto di Massimiliano Giancristofaro, la presidente Arci Francesca Chiavacci

Contenuti correlati