Lucio Moderato Don Marco Bove Stefano Albini
Fondazione Sacra Famiglia

Normali Meraviglie, un progetto da Compasso d’Oro

21 Giugno Giu 2018 1317 21 giugno 2018
  • ...

La Fondazione ha ricevuto la Menzione d’Onore alla XXV edizione del premio, un riconoscimento al design sociale e alla valorizzazione delle fragilità attraverso l'iniziativa realizzata in collaborazione con l’associazione Tam Tam e grazie al coordinamento artistico di Alessandro Guerriero. Le opere premiate sono in una mostra aperta al Cortile della Rocchetta del Castello Sforzesco fino al 26 giugno

In occasione del XXV Compasso d’Oro ADI, Fondazione Sacra Famiglia ha ricevuto la Menzione d’Onore, alla presenza di Alberto Bonisoli, ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, e di Attilio Fontana, presidente di Regione Lombardia. Il prestigioso riconoscimento è stato ottenuto per il progetto di design sociale Normali Meraviglie, un’iniziativa promossa dalla Fondazione per tutelare e valorizzare il concetto di fragilità fortemente legato ai suoi ospiti, in collaborazione con l’associazione Tam Tam, scuola di eccellenza di attività visive, che ne cura la direzione creativa. Grazie al coordinamento artistico del designer Alessandro Guerriero, gli ospiti di Sacra Famiglia hanno avuto l’opportunità di realizzare, all’interno dei laboratori abilitativi Arteticamente, opere di alto valore esposte in eventi di spicco per il settore: dalla Design Week, alla mostra La Mano alla Triennale e a L’Artigiano in Fiera.

Da ieri queste opere diventano, una volta di più, rappresentative dell’impegno sociale di Fondazione che da oltre 120 anni si prende cura degli ultimi. «Questo premio è per noi motivo di orgoglio. Essere riconosciuti a livello internazionale ci rende fieri dei nostri ragazzi e ci spinge a migliorarci sempre di più», ha dichiarato don Marco Bove, presidente di Fondazione Sacra Famiglia. «L’organizzazione della nostra struttura ci permette infatti di aiutare gli ospiti non solo nella loro cura, ma soprattutto nella valorizzazione delle loro fragilità, da non considerare come limite, ma come qualità. Ogni anno i laboratori Arteticamente coinvolgono oltre 250 persone con disabilità in 9 ambienti dedicati e 2 serre, e grazie anche al supporto di 18 figure professionali riusciamo a trasformare disabilità, debolezza e fragilità in un valore aggiunto».

Al XXV Compasso d’Oro ADI hanno concorso i beni ritenuti di eccellenza in queste categorie: design per l'abitare, per la mobilità, per il lavoro, per la persona, per il sociale, per la comunicazione, design dei materiali e dei sistemi tecnologici, dei servizi, exhibition design, food design, ricerca teorico, storico, critica e dei progetti editoriali.
I prodotti premiati e quelli segnalati con la Menzione d’Onore entrano a far parte della Collezione storica del Compasso d’Oro, arricchendo un patrimonio di cultura di riconosciuto interesse nazionale.
Fino al 26 giugno, grazie al sostegno del Comune di Milano e alla collaborazione della Soprintendenza del Castello Sforzesco, sarà possibile ammirarli in una mostra aperta al Cortile della Rocchetta del Castello Sforzesco di Milano.

Contenuti correlati