Profughi Venezuelani
America Latina

In fuga dal Venezuela accolti da un "Cuore senza confini"

4 Luglio Lug 2018 1619 04 luglio 2018
  • ...

I missionari dell’Opera Don Orione delle province religiose di Argentina e Brasile Nord danno il via a un’operazione di assistenza ai profughi venezuelani in fuga verso il Brasile e che arrivano a Pacaraima al confine tra i due Paesi. Una vera e propria marea umana - uomini, donne e bambini - che ha bisogno di tutto

L'amore per il prossimo non ha confini ed è proprio questo amore che anima i missionari dell’Opera Don Orione, che proprio “Cuore senza confini” hanno chiamato l’iniziativa che sta nascendo a Pacaraima in Brasile, nella diocesi di Roraima, città che confina con il Venezuela: la principale porta di accesso via terra per il popolo venezuelano in fuga. Il progetto - che coinvolge le province religiose dell'America Latina, sotto il coordinamento di quella del Brasile Nord - ha lo scopo accogliere e sostenere spiritualmente i profughi che, in numero crescente, stanno fuggendo dal Venezuela verso il Brasile. Una vera e propria marea umana - uomini, donne e bambini - che ha bisogno di tutto.
Un religioso orionino è già presente: Don José Sebastião Barros da Silveira (Brasile Nord) a cui si unirà il prossimo mese un altro orionino: Don Miguel Alberto Fernández (Argentina) e che lavoreranno insieme al parroco Padre Jesús Lopez Fernandez de Bobadilla, un missionario spagnolo, fidei donum, attualmente incardinato nella diocesi di Roraima.

Il "team" orionino, oltre a lavorare con le comunità nella loro missione evangelizzatrice, ha l'arduo compito di accogliere e aiutare coloro che stanno attraversando la frontiera, specialmente gli indigeni che stanno fuggendo dalla fame, dalla mancanza di servizi sanitari e dall'emarginazione in Venezuela. Attualmente la situazione è peggiorata a causa dalle intense piogge e inondazioni.

La nuova missione nasce a seguito dell'appello lanciato dal Direttore generale dell'Opera Don Orione, Don Tarcisio Vieira. «Ci siamo sentiti interpellati dalla drammatica situazione del popolo venezuelano, che in gran numero, sta attraversando la frontiera brasiliana in cerca di migliori condizioni di vita», spiega Don Vieira. «Al confine tra le due nazioni stiamo assistendo ad una vera e propria emergenza pastorale ed umana e per questo, in accordo con il Vescovo di Roraima, Mons. Mário Antonio da Silva, abbiamo deciso di accettare questa nuova sfida».

Lo scorso 25 aprile Don Rodinei Thomazella e Don Josumar Dos Santos, direttori delle due Province brasiliane orionine, che hanno visitato Pacaraimaper avviare la nuova missione raccontano: «Siamo stati accolti molto bene da Mons. Mario Antônio da Silva, vescovo di Roraima e da alcuni sacerdoti e suore che ci lavorano. In questi luoghi abbiamo sperimentato la presenza fattiva ed amorevole della Chiesa cattolica accanto agli immigrati venezuelani: dalla distribuzione di cestini di base per servire i pasti quotidiani, il supporto sanitario, i servizi nell'area di supporto educativo per i bambini ed anche per la ricerca di un lavoro per i profughi venezuelani. Dalla fine del 2015 – proseguono i due religiosi orionini - Roraima ha ricevuto un numero crescente di immigrati venezuelani che entrano in Brasile attraverso la città di Pacaraima. Fuggono dalla fame, dalla disoccupazione e dalla mancanza di servizi sanitari nel paese e il suo primo obiettivo è la capitale dello stato di Roraima. Dopo quasi 200 km di cammino da questa città di confine arrivano i migranti, trascinando le loro valigie, portando il loro bagaglio e credendo in tempi migliori nella capitale».

E concludono «Il nostro compito a Pacaraima è quello di accompagnare il parroco locale nelle attività pastorali e nel soddisfare i bisogni dei migranti, siano essi accampati o passanti che hanno iniziato il loro doloroso viaggio verso un futuro incerto nelle terre brasiliane».

Contenuti correlati