SOS VILLAGGIDEIBAMBINI Care Leavers
Sos Villaggi dei Bambini

Care leavers, il futuro si costruisce giorno per giorno

31 Ottobre Ott 2018 1301 31 ottobre 2018
  • ...

L’uscita dai percorsi di accoglienza avviene ufficialmente a 18 anni, ma si è davvero autonomi a questa età? Se ne parla il 6 novembre a Roma in un incontro promosso da Sos Villaggi dei Bambini: protagonisti i ragazzi che hanno partecipato al progetto europeo “Prepare for leaving care”

Conosci la Tari? Sai che tipo di contratto di affitto è più conveniente? Saper rispondere a queste domande è un buon punto di partenza per cavarsela da soli. Ma a 18 anni si è autonomi e grandi abbastanza per farlo? Per sapere se i neomaggiorenni sono in grado di affrontare alcune delle sfide quotidiane Sos Villaggi dei Bambini ha intervistato alcuni ragazzi tra i 18 e i 22 anni (qui sotto il video).

Spesso e volentieri, infatti, i genitori affiancano i neomaggiorenni nelle loro scelte e nel loro passaggio all’età adulta, altre volte, invece, questo non è possibile: è il caso dei care leavers. Ogni anno circa 3.000 ragazze e ragazzi, una volta compiuti i 18 anni, sono costretti ad avviarsi verso un percorso di autonomia economica e lavorativa senza avere le necessarie tutele e il supporto adeguato.
Il fondo sperimentale per la lotta alla povertà e all'esclusione sociale, che garantirà 15 milioni di euro e accompagnerà i care leavers fino al compimento del ventunesimo anno di età, è solo un primo passo nel percorso verso l’autonomia dei ragazzi che vivono fuori dalla famiglia di origine.

Per ribadire la necessità di estendere il fondo sperimentale a tutti i care leaves e ricordare l’importanza della partecipazione dei ragazzi nelle scelte che riguardano il loro futuro, Sos Villaggi dei Bambini promuove l’incontro “Il futuro si costruisce giorno per giorno”, un momento di confronto tra Istituzioni e ragazzi sulle tematiche più urgenti e importanti che riguardano l’uscita dai percorsi di accoglienza.

All’evento, in programma martedì 6 novembre alla sede del Parlamento del Cnel a Roma, una rappresentanza dei 60 ragazzi protagonisti del progetto europeo di Sos Villaggi dei Bambini “Prepare for leaving care”, porterà all’attenzione delle istituzioni le loro esperienze e raccomandazioni, emerse da un intenso lavoro, con oltre 20 incontri, portato avanti negli ultimi due anni dai ragazzi stessi. Indicazioni che vogliono rappresentare possibili coordinate utili a orientare i percorsi verso l’autonomia e invitare Istituzioni e opinione pubblica a riflettere sul tema dell’accompagnamento e sostegno adeguati ai ragazzi in uscita dai percorsi di accoglienza.

Intervengono: Filomena Albano, Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza; Domenico De Maio, Direttore Agenzia Nazionale per i Giovani; Andrea Cippone, Presidente Comitato nazionale per il diritto alla piena integrazione sociale dei giovani fuori dalla famiglia d’origine; Vittoria Manolio, Segretario Associazione Italiana dei Magistrati per i Minorenni e per la Famiglia

Contenuti correlati