Migranti2
Libri

Fratelli Migranti – Contro le Barbarie

6 Novembre Nov 2018 1533 06 novembre 2018
  • ...

L'opera dello scrittore francese Patrick Chamoiseau è poesia, saggio, manifesto, un appello a rimanere sensibili a ciò che l’idea di umani ha di più umile e luminoso. E chiede di aprire in noi un altro immaginario per combattere odio, rifiuto e violenza che guadagnano terreno. Accogliere i migranti, che vengono che partono che restano che proseguono, accoglierli senza pretese, significa onorare il divenire in loro. Concedergli fiducia per il loro divenire

“Accogliere i migranti, che vengono che partono che restano che proseguono, accoglierli senza pretese, significa onorare il divenire in loro. Concedergli fiducia per il loro divenire. La relazione non condanna ad alcuna fissità, sembianza o somiglianza, ad alcuna differenza intangibile, quindi fittizia. Nessuna discendenza obbligatoria. La relazione si adegua agli scarti, alle distorsioni o alle divergenze feconde. Non teme l’imprevedibile. È lei che instilla nel multiculturalismo il «trans» del vivere – insieme aperto. Un vivere – insieme – multi – trans – culturale”.

Fratelli Migranti – Contro le Barbarie dello scrittore francese Patrick Chamoiseau, pubblicato in Italia da Add Editore, è poesia, saggio, manifesto, un appello a rimanere sensibili a ciò che l’idea di umani ha di più umile e luminoso. E chiede di aprire in noi un altro immaginario per combattere odio, rifiuto e violenza che guadagnano terreno. Nato dalla sollecitazione di due donne, una regista e una scrittrice, che hanno invitato Chamoiseau a scrivere di quello che stava succedendo a Parigi alle persone migranti.

Cosa sono oggi le barbarie. E a quali barbarie si riferisce Chamoiseau. «Per me», dice Patrick Chamoiseau, «il barbaro non è ciò che è estraneo a una cultura, a una civiltà, a una visione del mondo, è ciò che è estraneo allo sforzo che dobbiamo fornire in noi stessi per essere umani migliori. L'inumano è parte dell'umano, è una violenza rettiliana che vive in noi e che dobbiamo costantemente frenare. La barbarie come la sento e, come credo, esiste, fa parte del "disumano". Il disumano è un'impresa quasi sistemica che mina ciò che l'essere umano ha di più essenziale. E siccome il politico immaginario è dominato dal dogma neoliberista, il politico ordinario, impotente di fronte ai misfatti del capitalismo, comincia a produrre disumanità lasciandosi morire nel Mediterraneo o contro le mura e il filo spinato che si ergono nel nostro Paese. Mondo. Il potere dominante, che è il neoliberismo. Deve essere interrogato, messo in discussione, altrimenti il dispositivo rimane al suo posto e il telaio è invariato. La precarietà e la violenza che proviene dal neoliberismo rendono le persone timorose, odiose, hanno l'impressione che i migranti aggraveranno la loro situazione. Quando l'Umano non è più identificabile dall'umano, la barbarie è lì».

il barbaro non è ciò che è estraneo a una cultura, a una civiltà, a una visione del mondo, è ciò che è estraneo allo sforzo che dobbiamo fornire in noi stessi per essere umani migliori. Quando l'Umano non è più identificabile dall'umano, la barbarie è lì

Patrick Chamoiseau

E allora come arginare la deriva in cui stiamo affogando? «Lo spirito di "globalità"», continua Chamoiseau, «che la globalizzazione nega, stabilisce così una condivisione completamente diversa, che non è quella del "mercato" e ci mette in contatto con "le cose viventi del mondo" che ci riguardano. Questo nuovo immaginario che dobbiamo costruire, per abitare il mondo dove tutte le culture e le civiltà ora si incontrano e toccano, non può più basarsi sulle vecchie comunità e sulla loro processione di confini, identità mortali, esclusive di altri . Costruire un immaginario relazionale significa chiedersi come vivere al di fuori delle certezze verticali, radici, alberi genealogici, racconti nazionali monolitici? Come vivere in un mondo in cui l'Altro è già in noi, o i vecchi punti di riferimento sono distrutti, o il vento soffia ovunque, o siamo precipitati nell'ignoto, nelle infinite possibilità? La poesia, le stimolazioni artistiche ed estetiche possono aiutarci a nutrire questa nuova immaginazione, a cambiare i nostri sistemi di rappresentazione.

Accogliere i migranti, che vengono che partono che restano che proseguono, accoglierli senza pretese, significa onorare il divenire in loro. Concedergli fiducia per il loro divenire

Patrick Chamoiseau

Patrick Chamoiseau non ha soluzioni. «Ma la poesia che tocca le sensibilità, permette a tutti di elevare il loro livello di conoscenza e consapevolezza. È un nuovo mondo che viene e siamo inghiottiti in un vecchio immaginario, in rigide ricette È importante che le politiche pubbliche aiutino l'individuo da costruire da questi cambiamenti. Ma questi funzionano ancora come prima. Per uscire dalla logica neoliberale, è lo stesso, dobbiamo affrontare le nostre repulsioni e percezioni irrazionali, per imparare a resistere all'impensabile. E il compito dell'artista, dello scrittore, del poeta è di lasciar andare sciami di lucciole nel mondo immaginario. Perché non siamo in grado di inventare nuovi modi? Perché la nostra immaginazione collettiva è bloccata nelle catene dell'ideologia capitalista, neoliberista, consumista ed egocentrica, che ci impedisce di considerare un'alternativa globale. È urgente aprirci agli stimoli della mente, della sensibilità, delle utopie. L'utopia è una specie di ossigeno per i sistemi di rappresentazione».

Fonti: DIACRITIK, “L’imaginaire de l’Europe est celui de l’Empire” : Entretien avec Patrick Chamoiseau, 10 juillet 2017; L’OBS, “La barbarie est là”, 4 mai 2017; Telerama, “L’utopie est une sorte d’oxygène”, 03/09 juin 2017; l’Humanité, 4 mai 2017; Pelerin, 20 avril 2017