Serviziocivile UILDM C6F1544
Legge di Bilancio

Appello di Uildm al Parlamento per superare il taglio al Servizio Civile

13 Novembre Nov 2018 0631 13 novembre 2018
  • ...

Marco Rasconi esprime preoccupazione per il taglio contenuto in Legge di Bilancio. «È una risorsa preziosa per la crescita dell'Italia perché educa i giovani ai principi della solidarietà, della partecipazione, dell’inclusione sociale»

«Stiamo assistendo a un ulteriore passo indietro che vogliamo segnalare e evitare. Grazie ai volontari del Servizio Civile in questi anni abbiamo potuto realizzare percorsi per l’autonomia personale delle persone con disabilità neuromuscolari, sostenendo il diritto allo studio, al lavoro e a una vita indipendente. È una risorsa preziosa per il nostro Paese perché educa i giovani ai principi della solidarietà, della partecipazione, dell’inclusione sociale»: così Marco Rasconi, presidente nazionale dell’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM) commenta il taglio del 3% dei fondi per il Servizio Civile Nazionale contenuto attualmente nel disegno di Legge di bilancio per il 2019.

Il Servizio Civile è un’esperienza formativa e di impegno che ogni anno coinvolge migliaia di giovani nell’affiancamento delle organizzazioni non profit, che garantiscono servizi a persone con disabilità, anziane, nonautosufficienti. Servizi essenziali, che migliorano la qualità della vita di tutta la comunità. Dal 2001, qundo è nato, sono più di 400.000 i giovani che sono stati avviati al Servizio Civile, ma ora alla lettura del disegno di Legge di bilancio per il 2019 emerge che per il 2019 è previsto un taglio del 3% dei fondi, pari a 4,1 milioni di euro. Mancano inoltre all’appello altri 150 milioni di euro che quest’anno hanno permesso di aprire il bando di Servizio Civile a circa 53.000 giovani. Secondo le stime più credibili fornite dalla CNESC – Conferenza Nazionale Enti di Servizio Civile, se non interverranno modifiche, il prossimo anno i fondi a disposizione saranno sufficienti per poco più di 20mila giovani, meno della metà di quelli inseriti negli ultimi bandi nazionali. La riduzione del numero dei giovani del Servizio Civile avrà delle ricadute importanti sulle persone che saranno private del sostegno dato dal contributo dei volontari.

«È un segnale molto negativo verso i giovani e verso chi ha la necessità del loro sostegno. E anche relativamente ai rapporti fra non profit e istituzioni - conclude Marco Rasconi - Per questo motivo rivolgiamo un appello bipartisan al Parlamento perché venga almeno ripristinata la dotazione precedente per il Servizio Civile. Chiediamo una riflessione più ampia che ne incentivi e potenzi il ruolo e l’impegno, per renderlo strumento utile alla crescita dell’Italia».

Contenuti correlati