Aibi Il Bello Che Fa Bene
AiBi

Il Bello che fa Bene, per essere un po' genitori di chi non è figlio

23 Novembre Nov 2018 1221 23 novembre 2018
  • ...

Prodotti del lusso e del design, donati appositamente dai top brands per sostenere il futuro dei bimbi in grave difficoltà familiare: torna il tradizionale evento di Ai.Bi.

Prodotti del lusso e del design, donati appositamente dai top brands per sostenere il futuro dei bimbi in grave difficoltà familiare. Torna “Il Bello che fa Bene”, il tradizionale evento di Ai.Bi. - Amici dei Bambini, giunto alla diciassettesima edizione: l’appuntamento è per il 26 novembre a Milano, negli spazi della Torneria di via Tortona 32. Il titolo scelto per questa edizione è “L'altro tuo figlio”: se ogni genitore sa quanti sacrifici ha fatto per costruire il futuro dei suoi figli, l’invito di questa manifestazione è quello di sentirsi per una sera genitori di chi non è figlio, adottando in parte il futuro di quei bimbi che una famiglia, purtroppo, non l'hanno.

Il Charity Shop si aprirà alle 19.00 con un cocktail di benvenuto. In vetrina i prodotti offerti dalle aziende partner di AiBi, tra cui Ferrarelle, La Perla di Torino, Longino&Cardenal, Vailati, Ricci Curbastro, Farine Varvello, Accademia Avvenire e Boroli Barolo. In particolare ci saranno le esclusive sedute “Mafleur” di Montbel, autografate dalle star del cinema che hanno partecipato all’ultimo festival del cinema di Venezia. L’asta benefica sarà condotta da Max Laudadio.

La gastronomia d’elite avrà un ruolo da protagonista: gli ospiti saranno deliziati da una cena di gala, preparata dagli chef Marco Ambrosino (del ristorante 28 posti, in via Corsico 1, a Milano) e Wicky Priyan (di Wicky's Wicuisine, in corso Italia 6, sempre a Milano), un esclusivo viaggio attraverso la tradizione del gusto, sia nazionale che internazionale. Come dessert sarà servito il pluripremiato gelato artigianale de La Cremeria Capolinea di Simone De Feo, di Reggio Emilia.

«Il mondo del lusso spesso è percepito come una celebrazione della cultura del profitto e dell’individualismo. Il ‘Bello che fa Bene’ è invece un invito a questo mondo perché si apra alla richiesta d’amore dei milioni di bimbi che, nel mondo, aspettano una casa, una famiglia con cui trascorrere un Natale o un compleanno, con cui crescere. Ai.Bi. ha la fortuna di avere dei partner che, da anni, rispondono a questo invito con il cuore», dice Marco Griffini, presidente.

È possibile sostenere Ai.Bi sia partecipando alla serata benefica (www.aibi.it/confermainvito o mariasole.monolo@goodpoint.it, tel. 02.87067579) sia con una donazione per il progetto di crowdfunding «Adotta il futuro de “L’altro tuo figlio”» all’indirizzo www.aibi.it/bb.

In foto, una passata edizione dell'evento "Il Bello che fa Bene"

Contenuti correlati