Danielle Macinnes 66244 Unsplash
Eventi

La Biennale della Cooperazione italiana fa tappa a Bologna

29 Novembre Nov 2018 1557 29 novembre 2018
  • ...

Al via venerdì 30 novembre la due giorni della manifestazione promossa dall’Alleanza delle Cooperative italiane (Confcooperative, Legacoop e Agci). Nella prima giornata aperta da un reading dell’attrice Isabella Ragonese, si discuterà di economia, Italia ed Europa. Sabato al centro dell’attenzione i mutamenti sociali e il welfare che mobilita energie

Si apre venerdì 30 novembre la prima giornata della tappa bolognese della Biennale della Cooperazione italiana, la manifestazione promossa dall’Alleanza delle Cooperative italiane (Confcooperative, Legacoop e Agci) che il 14 e 15 novembre ha preso il via da Bari e che a gennaio 2019 toccherà Milano e Roma.

I lavori prenderanno il via alle ore 15, a Palazzo Re Enzo, con un reading dell’attrice Isabella Ragonese, seguito dai saluti del sindaco di Bologna Virginio Merola e dell’arcivescovo Matteo Zuppi, il dialogo tra il presidente e i co-presidenti di Alleanza delle Cooperative italiane Maurizio Gardini, Brenno Begani e Mauro Lusetti, e la presentazione di 5 imprese cooperative innovative.

Alle ore 16.30 si discute di economia, Italia ed Europa con Lucrezia Reichlin della London Business School e il direttore del Centre for European Policy Studies (Ceps) Daniel Gross. Alle ore 18, il fotografo americano Steve McCurry spiegherà qual è la sua visione di uguaglianza. Mentre alle ore 21.30, “note di pace ed equità” con l’incontro tra parole e musica con il compositore Giovanni Allevi.

In contemporanea con l’apertura (ore 15) a Palazzo d’Accursio si inaugura la mostra “Una testa, un volto. Pari nelle differenze”, con 40 ritratti, di cui alcuni inediti, di Steve McCurry. Insieme al fotografo saranno presenti l’assessore alla Cultura del Comune di Bologna Matteo Lepore, la presidente di Legacoop Bologna Rita Ghedini e il presidente di Unipol Gruppo Pierluigi Stefanini. McCurry a Bologna a mezzo giorno a Palazzo del Re Enzo riceverà inoltre il premio “Colomba d'oro internazionale” dell’Istituto di ricerche internazionali Archivio Disarmo.

La seconda giornata bolognese della Biennale della Cooperazione italiana si apre alle ore 9,30 di sabato 1 dicembre. A dare i via ai lavori, che prevedono in apertura l’incontro sui mutamenti sociali e politici e i nuovi paradigmi di sviluppo con lo storico e sociologo francese Marc Lazar, il presidente della Regione Emilia-Romagna. A seguire (ore 10.30) si parla di politiche per il lavoro e di “lavoro giusto” con il sociologo della università Cattolica Mauro Magatti e gli economisti Luigino Bruni (Lumsa), Irene Tinagli e Pasquale Tridico (Roma 3).
Alle ore 11.45, dibattito sulla cultura della sostenibilità con il Public Policy Manager di Google Italia Diego Ciulli, l’ex ministro del Lavoro e delle Politiche sociali del governo Letta, attualmente portavoce dell’Asvis (Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile) Enrico Giovannini e Fabiola Riccardini dell’Istat.

La prima parte del pomeriggio è dedicata al “welfare che mobilita energie”, con l’ex capoeconomista della Banca Mondiale François Bourguignon (ore 14.30) e il dialogo con il sociologo Nadio Delai, il demografo Alessandro Rosina (Università Cattolica) e gli economisti Annamaria Simonazzi (Università La Sapienza) e Alessandra Smerilli (Pontificia Facoltà di Scienze dell'educazione “Auxilium”). Alle ore 16, il confronto sulla legalità tra cooperatrici, cooperatori e il sociologo Nando Dalla Chiesa.

Alle ore 17, la Biennale della Cooperazione si avvia verso la chiusura con l’intervento del co-presidente di Alleanza delle Cooperative italiane Mauro Lusetti e quelli del presidente del Positive Planet Foundation Jacques Attali, che prima terrà una lectio magistralis e poi parteciperà a una tavola rotonda con François Bourguignon, il direttore generale di Federcasse Sergio Gatti e il Ceo di Unipol Gruppo Carlo Cimbri. Conclusioni affidate al presidente di Alleanza delle Cooperative italiane, Maurizio Gardini.

Tre, infine, le presentazioni in programma per la Biennale Off: il libro “Cooperative da riscoprire. Dieci tesi controcorrente” a cura del presidente Euricse Carlo Borzaga con il segretario generale Gianluca Salvatori (ore 14.30); il numero speciale della rivista Pandora “Leggere la cooperazione” (ore 15.30); il libro “Cento donne che cambieranno l’Italia” a cura di Marta Aiò, con la coordinatrice degli Stati generali delle donne Isa Maggi e la presidente della commissione Donne e Parità dell’Alleanza delle Cooperative italiane Dora Iacobelli.

In apertura photo by Danielle MacInnes on Unsplash

Contenuti correlati