P 20181203 154530 V HDR Auto
Fondazione Arché

Cosa può fare ognuno di noi per concorrere al bene comune?

17 Dicembre Dic 2018 1543 17 dicembre 2018
  • ...

“Come sviluppare poteri normali e vivere felici”: Arché presenta il calendario 2019. “Il calendario abita le scrivanie. E comunica: quest’anno raccontiamo come alla realizzazione del bene comune concorrano anche, non soltanto, comportamenti individuali - ha spiegato Paolo Dell’Oca, responsabile della Comunicazione di Arché - perché la valorialità si deve declinare nella concretezza e nella quotidianità, e non nei sofismi e nell’eccezionalità”

Se ti dicono che “tanto il mondo non si cambia”, che “non c’è nulla da fare”, che “decidono i poteri forti” e via dicendo, non ci credere. Si possono sviluppare poteri normali e cambiare davvero le cose. E nonostante questo, vivere felici. Forse persino più felici. Come? Per esempio, seguendo le idee che Arché ha messo nel calendario dell’anno prossimo: una buona pratica mese per mese, una buona abitudine, un buon gesto che rendono migliore te e anche l’ambiente che ti circonda. A suggerirtele sono le nostre facce: i volti veri di Arché, che dal 1991 lavora accanto alle mamme e ai bambini più fragili.

Il calendario è una cosa che la fondazione fa ogni anno: è un gioco ma è anche un momento di riflessione. È un modo per creare un oggetto utile, maneggevole, comodo, ma anche per innescare dentro Arché e fuori da Arché una riflessione più ampia. In questi anni hanno scelto tanti temi: il pensiero di don Milani; la Costituzione; nel 2015 invece Expo: ‘Nutrire i bambini energia per la famiglia’”. L’anno scorso lo hanno dedicato alla cultura, scegliendo 12 frasi di intellettuali, scrittori, attori che rappresentassero anche la Mission di Arché. Quest’anno invecehanno scelto di interrogarsi e interrogarci su un tema chiave: cosa può fare ognuno di noi per concorrere al bene comune?

Tra le varie prassi virtuose individuali emerse ne hanno scelte 12, una per mese, e poi ci hanno messo la faccia: volontari, operatori e mamme, ritratti da Luca Maccotta per una veste grafica curata da Alberto Ipsilanti, che racconta come sviluppare poteri normali e vivere felici. Qualche esempio? Quella della bici è l’unica catena che ti rende libero. Quando puoi, usa la bici. Qualcuno ha detto “caffè scorretto”? Scegli esercizi commerciali senza slot. L’acqua pesa meno dell’oro ma vale di più. Non sprecare l’acqua.

Il calendario da scrivania, uno dei prodotti Natale di Arché, è richiedibile online a questa pagina e negli ArchéNatale di Milano, Roma e San Benedetto del Tronto, con una donazione minima di 5 €. Per chi lo volesse personalizzato, la donazione minima è di 7 €.

“Il calendario abita le scrivanie. E comunica: quest’anno raccontiamo come alla realizzazione del bene comune concorrano anche, non soltanto, comportamenti individuali - ha spiegato Paolo Dell’Oca, responsabile della Comunicazione di Arché – perché la valorialità si deve declinare nella concretezza e nella quotidianità, e non nei sofismi e nell’eccezionalità”.

La fondazione ringrazia Canon per la stampa