Misericordie

Emergenza freddo: le unità di strada attive in tutta Italia

6 Gennaio Gen 2019 1720 06 gennaio 2019

L’obiettivo delle squadre è aiutare i senzatetto e convincerli a passare la notte nei ricoveri organizzati. Tutte le 700 Misericordie italiane chiamate ad aprire le porte e ospitare le persone in difficoltà

  • ...
Emergenzafreddo Misericordie
  • ...

L’obiettivo delle squadre è aiutare i senzatetto e convincerli a passare la notte nei ricoveri organizzati. Tutte le 700 Misericordie italiane chiamate ad aprire le porte e ospitare le persone in difficoltà

Prosegue senza sosta ed in ogni parte d’Italia, il lavoro delle “Unità di Strada”, squadre di Sorelle e Fratelli che, in accordo con i servizi sociali dei vari comuni, assistono in strada i senza dimora offrendo cibo, bevande calde, coperte e altri generi di conforto, cercando anche di accompagnargli verso gli asili notturni. L’obiettivo è quello di un aiuto costante in queste fredde notti invernali a chi non ha un tetto dove ripararsi.

Inoltre, tutte le 700 Misericordie italiane sono chiamate ad aprire le porte per ospitare ogni persona in difficoltà e svolgono questo compito nei tempi e nei modi consoni alle proprie realtà. Ve ne sono alcune in particolare che in questi giorni sono attive sia sul fronte dell’aiuto sia della possibilità di offrire un ricovero per passare la notte al caldo.

Queste le Misericordie attualmente in attività sui due fronti (aiuto e ricovero): Priolo Gargallo, Floridia, Crotone Papanice e Cutro, Catanzaro, Andria, Foggia, Molfetta, Napoli Nord, Avellino, Roma San Romano, Federazione Regionale Toscana, Coordinamento Fiorentino, Empoli, Certaldo, Pisa, San Pietro in Palazzi, Milano, Certaldo, Lido di Camaiore, Camaiore, Lucca, Arese, Milano Sant'Ambrogio, Termoli.

Oltre a questo da segnalare che il coordinamento delle Misericordie Catanesi è ancora attivo in supporto delle popolazioni colpite dal terremoto che ha coinvolto i comuni dell’area etnea.

L’Area Emergenze della Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia è a disposizione di tutte le Confraternite per il supporto e la progettazione del servizio e sta già fornendo, a quelle che si sono attivate, un servizio di consulenza e nuove linee guida per portare avanti il servizio e rafforzare o realizzare insieme agli altri soggetti territoriali luoghi da adibire a rifugio notturno.

Contenuti correlati