Schermata 2019 02 14 Alle 14
Migranti

Dal 2015 al 2018, ecco come sono cambiate le migrazioni verso l'Europa

14 Febbraio Feb 2019 1438 14 febbraio 2019
  • ...

Tutte le statistiche sulle varie rotte migratorie e sul perché continuano a cambiare. Il numero di arrivi irregolari in Europa - per via terrestre e marittima - è diminuito del 95 percento rispetto all'estate del 2015. Coloro che stanno continuando a fare il viaggio stanno provando nuovi e diversi percorsi. Vediamo quali e in che numero

Il Frankfurter Allgemeine Zeitung, quotidiano tedesco, ha raccolto statistiche sulle varie rotte migratorie e sul perché continuano a cambiare.

Il numero di arrivi irregolari in Europa - per via terrestre e marittima - è diminuito del 95 percento rispetto all'estate del 2015. Coloro che stanno continuando a fare il viaggio stanno provando nuovi e diversi percorsi.

Numero di migranti e rotte 2015-2018

Come sono cambiati i percorsi

Dal 2015, la rotta del Mediterraneo centrale dal Nord Africa è stata la rotta migratoria principale per l'Europa. La maggior parte dei migranti parte dalla Libia, con l'obiettivo di raggiungere l'Italia o Malta. Secondo l'agenzia europea di frontiera Frontex, anche il numero di persone in partenza dalla Tunisia è aumentato. La maggior parte dei migranti proviene dall'Africa subsahariana e dal Nord Africa. Nel 2018, un terzo dei migranti proveniva dalla Tunisia o dall'Eritrea.

Rotta del Mediterraneo centrale 2015-2018

Nel febbraio 2017, i leader dell'UE hanno deciso di rafforzare la cooperazione con il governo libico e la guardia costiera, nel tentativo di impedire alle persone di lasciare la Libia. Una scelta che, al di là delle polemiche relative alle condizioni in cui versano i migranti nei campi libici, ha funzionato e verso la metà di quell'anno il numero di migranti sulla rotta del Mediterraneo centrale era già diminuito. Nella prima metà del 2018, poi, su questa rotta sono stati registrati meno di 16.000 migranti irregolari, un quinto del numero registrato nello stesso periodo dell'anno precedente.

La rotta del Mediterraneo orientale tra Turchia e Grecia ha registrato circa 885.000 persone in movimento verso l'UE nel 2015 (17 volte di più rispetto al 2014). La maggior parte dei migranti erano rifugiati dal conflitto siriano, seguiti da afgani e somali. Molti hanno continuato i loro viaggi attraverso la Macedonia e la rotta dei Balcani occidentali. Nel 2017 e nel 2018, la maggior parte dei migranti sulla rotta del Mediterraneo orientale provenivano dalla Siria e dall'Iraq.

Nel marzo 2016, la Turchia ha convenuto che avrebbe trattenuto e rimpatriato i migranti che cercavano di entrare in Europa in cambio di miliardi di euro dall'UE. Il risultato è stato un netto calo del numero di arrivi irregolari in Europa. Nel 2017, 41.720 persone sono arrivate nell'UE attraverso la rotta del Mediterraneo orientale, con un calo del 77% rispetto all'anno precedente.

Rotta del Mediterraneo orientale 2015-2018

La rotta del Mediterraneo occidentale si estende dal Marocco alla Spagna. Nel punto in cui l’Africa è più vicina all’Europa, lo stretto è largo solo 14 chilometri. Il numero di migranti attraverso questa rotta è aumentato bruscamente nel 2018. Oltre 52.000 persone hanno percorso questa tratta tra gennaio e novembre 2018, più del doppio rispetto al 2017.

Rotta del Mediterraneo occidentale

La rotta dei Balcani occidentali si estende attraverso la Macedonia e la Serbia verso la Croazia, la Slovenia e l'Ungheria. I migranti che percorrono questa strada spesso continuano verso l'Austria e la Germania. Un gran numero di persone provenienti dal Medio Oriente ha preso questa strada dopo aver attraversato la rotta del Mediterraneo orientale dalla Turchia alla Grecia.

Rotta dei Balcani occidentali

Secondo Frontex, il numero di attraversamenti irregolari della frontiera su questa rotta è sceso a 2.100 persone nella prima metà del 2018. Nel 2015 sono stati registrati circa 764.000 migranti attraverso questa rotta. Nel 2017 il numero era sceso a circa 12.000, una diminuzione attribuita alla chiusura della rotta balcanica e all'accordo UE-Turchia. Dopo che Ungheria, Slovenia, Croazia, Serbia e Macedonia hanno chiuso i loro confini, i migranti hanno iniziato a optare per una rotta parallela dall'Albania attraverso il Montenegro o la Serbia alla Bosnia Erzegovina. Un piccolo numero ha scelto la rotta via Bulgaria e Romania.

La rotta orientale si riferisce al confine terrestre di 6.000 km tra Bielorussia, Moldavia, Ucraina e Russia e agli stati membri orientali dell'UE. Il numero di attraversamenti irregolari attraverso questa rotta è relativamente piccolo.

Dove vanno i migranti e perché

In tutto il mondo, oltre 68 milioni di persone sono state costrette a lasciare le loro case, secondo l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, l'UNHCR. Di questi, 40 milioni sono sfollati interni che sono rimasti all'interno del proprio paese.

Alla fine del 2017, i principali paesi di origine dei rifugiati erano la Siria con 6,3 milioni e l'Afghanistan con 2,6 milioni di rifugiati, seguiti da Sud Sudan, Myanmar e Somalia, esclusi gli sfollati interni.

Principali Paesi di origine dei migranti

La principale causa di migrazione forzata rimane la guerra e la violenza. Oltre la metà di tutti i rifugiati in tutto il mondo provengono da regioni di conflitto: Siria, Afghanistan e Sud Sudan. C'è anche un conflitto armato in Myanmar e Somalia. In Germania, oltre il 70 per cento dei richiedenti asilo registrati sono fuggiti da crisi belliche o violente, secondo l'Ufficio federale tedesco per la migrazione e i rifugiati.

Un altro motivo per il volo sono le violazioni dei diritti umani. In almeno dieci paesi nel mondo, l'omosessualità e la transessualità sono punibili con la pena di morte. In molti altri paesi la pena è la reclusione a lungo termine. Inoltre, le conseguenze dei cambiamenti climatici - come la mancanza di cibo e acqua - costringono le persone a lasciare le loro case.

La maggior parte dei rifugiati non viene accolta dall'Europa. I paesi in via di sviluppo ospitano l'85% dei rifugiati nel mondo. La Turchia è il principale paese ospitante, con un totale di 3,5 milioni di migranti, rifugiati e richiedenti asilo. Pakistan e Uganda hanno preso ciascuno 1,4 milioni di persone. La Germania è al sesto posto con 930.400.

Principali Paesi di accoglienza

Contenuti correlati