ACTIONAID
Cooperazione internazionale

Il popolo delle Ong, chi sono e quanti sono

12 Marzo Mar 2019 1856 12 marzo 2019
  • ...

Carlo, Gabriella, Matteo, Paolo, Maria Pilar, Virginia, Rosemary, Sebastiano, i nostri connazionali morti nel disatro aereo in Etiopia, rappresentano un pezzo d’Italia, quella capace di globalizzare la solidarietà invece dell’indifferenza. Oltre 20 mila occupati, più di 80 mila volontari attivi, 1,1 milione di individui donatori

Inutile cercare nelle parole dei messaggi che il nostro premier e i suoi due viceministri hanno rilasciato dopo la tragedia aerea dell'Ethiopian Airlines ad Addis Abeba un accenno a cosa facessero da quelle parti i nostri 8 connazionali, Carlo, Gabriella, Matteo, Paolo, Maria Pilar, Virginia, Rosemary, Sebastiano. Solo parole di cordoglio e di circostanza per l’evento luttoso. Peccato, un’occasione persa per sottolineare che c’è una parte d’Italia di cui andare orgogliosi, fieri.

Per fortuna ci ha pensato, una volta di più, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a ricordare che “Il Paese guarda con riconoscenza al loro impegno professionale e di vita, speso sul terreno della cultura e dell'archeologia, della cooperazione, di organizzazioni internazionali a servizio dello sviluppo umano”.

Il profeta dell’“aiutiamoli a casa loro”, il nostro ministro dell’Interno Matteo Salvini anche oggi ha pubblicato una ventina di tweet (e sicuramente non ha finito): 3 su sgomberi/ruspe, 2 da Bergamo, 5 repliche insulti, 6 dalla Basilicata di cui uno dedicato al peperone crusco, 1 su legittima difesa, 1 dove manda un bacione a tutti. Non una parola su 8 italiani che lavorando per un mondo migliore, sono morti su un aereo in Etiopia.

Eppure davvero Carlo, Gabriella, Matteo, Paolo, Maria Pilar, Virginia, Rosemary, Sebastiano rappresentano un pezzo d’Italia quella capace di globalizzare la solidarietà invece dell’indifferenza. Grazie al progetto di Open cooperazione, portale che aggrega oggi i dati delle 200 più importanti realtà non profit italiane che operano nel settore della cooperazione allo sviluppo e nelle emergenze umanitarie, è possibile dare un volto e un contorno a questa parte del nostro Paese.

Sono 20.900 le persone, uomini, donne, in gran parte giovani impegnati in progetti di cooperazione internazionale, 2804 in Italia e 17.286 all’estero, per il 46% donne.

I loro contratti di lavoro sono per quasi il 50% a tempo indeterminato e il 30% a progetto. Quello che ancor di più importa è che mobilitano 83.231 volontari attivi e che le loro risorse derivano per il 40% da donazioni di individui, 1.159.351. #Sappiatelo

Contenuti correlati