Migranti

ONU: Ecco gli orrori che attendono i migranti nei centri di detenzione libici

22 Marzo Mar 2019 2008 22 marzo 2019

Il Segretario Generale per i Diritti Umani ONU Andrew Gilmour, che ha presentato il rapporto, afferma che i resoconti di torture e abusi subiti da profughi e migranti sono tra i più strazianti che abbia mai sentito e chiede all'Italia e all'Europa di non ostacolare le ong e di interrompere la collaborazione con i libici

  • ...
Libia Campi
  • ...

Il Segretario Generale per i Diritti Umani ONU Andrew Gilmour, che ha presentato il rapporto, afferma che i resoconti di torture e abusi subiti da profughi e migranti sono tra i più strazianti che abbia mai sentito e chiede all'Italia e all'Europa di non ostacolare le ong e di interrompere la collaborazione con i libici

Ginevra - Un rapporto delle Nazioni Unite rileva che i migranti sono sottoposti a ciò che chiamano orrori inimmaginabili dal momento in cui entrano in Libia. Il rapporto dell'Alto commissario U.N. per i diritti umani è stato presentato al Consiglio per i diritti umani degli Stati Uniti a Ginevra. Il Segretario Generale per i Diritti Umani ONU Andrew Gilmour, che ha presentato il rapporto, afferma che i resoconti di torture e abusi subiti da profughi e migranti sono tra i più strazianti che abbia mai sentito. Dice che poche settimane fa, in Niger, ha incontrato migranti e rifugiati liberati di recente dalla detenzione in Libia. "Ognuno di loro - donne, uomini, ragazzi e ragazze - era stato stuprato, molti ripetutamente e torturato con la elettricità", ha detto Gilmour. "Tutti hanno testimoniato della diffusa tecnica di estorsione, in base alla quale i torturatori costringono le loro vittime a chiamare le loro famiglie, che vengono poi sottoposte alle urla dei loro cari lì che, si dice, continueranno fino a quando pagheranno un riscatto".

È stato sottolineato che i protagonisti delle atrocità includono contrabbandieri, trafficanti, funzionari dello stato libico e membri di gruppi armati. Centinaia di migliaia di migranti africani hanno attraversato la Libia negli ultimi anni, cercando di raggiungere l'Europa. Ma i paesi europei sono diventati sempre più ostili alla migrazione e lavorano con la Guardia costiera libica per intercettare le navi migranti nel Mediterraneo. Glimour avverte che migranti e rifugiati vengono restituiti ai centri di detenzione libici dove vengono torturati e sottoposti ad altre violazioni dei diritti umani. Per questo chiede la fine delle restrizioni che vietano ai gruppi non profit di salvare i migranti in mare. Esorta inoltre l'Unione europea a porre fine al proprio sostegno alla guardia costiera libica. Adel Shaltut, incaricato d'affari libico, ha reagito alla critica di Gilmour con stupore. Ha detto di essere sorpreso del fatto che il rapporto non mostra alcun apprezzamento per i contributi che il suo paese stava facendo per aiutare i migranti che transitano attraverso la Libia. Adel Shaltut, da parte sua, sottolinea che i migranti sono vulnerabili allo sfruttamento e agli abusi perché sono illegali.

Contenuti correlati