Facciamo Meta
Progetti

A Vittoria sport e cultura senza barriere con il progetto "Facciamo meta"

29 Aprile Apr 2019 1425 29 aprile 2019
  • ...

L'iniziativa per favorire l’inclusione sociale della cooperativa Metaeuropa a Vittoria, in provincia di Ragusa, realizzata in collaborazione con Fondazione È​bbene, che approda nella Community Fund di Aviva, il fondo benefico messo a disposizione dalla compagnia assicurativa per supportare le iniziative sociali in Italia

Dalle partite di calcio a quelle di basket passando per lezioni di danza e karate. E ancora laboratori di pittura, musica e lettura per ribadire che dallo sport alla cultura, tutti hanno il diritto di godere di momenti di svago. “Facciamo meta” è un progetto d’inclusione sociale, promosso a Vittoria, in provincia di Ragusa, dalla cooperativa Metaeuropa e realizzato in collaborazione con Fondazione È​bbene, che approda nella Community Fund di Aviva, il fondo benefico messo a disposizione dalla compagnia assicurativa Aviva per supportare le iniziative sociali in Italia

Il progetto “Facciamo meta” risponde al bisogno di socializzazione e inclusione con azioni che garantiscono pari dignità e opportunità ai bambini svantaggiati o con disabilità psico-fisiche, supportando così le famiglie nella crescita culturale ed educativa dei propri figli.

Fino al 7 maggio sarà possibile sostenere il progetto, assegnando gratuitamente un massimo di 10 voti nella Community Fund di Aviva.

“Facciamo meta” partecipa alla raccolta fondi con l’obiettivo di rafforzare il progetto ed estendere la platea dei beneficiari, ma soprattutto lanciare un forte messaggio di speranza per rendere la comunità di Vittoria aperta e inclusiva. I giovani inseriti nel progetto praticano, infatti, sport e frequentano le attività culturali insieme ai loro coetanei, condividendo il loro tempo libero, le loro idee e le loro passioni. Insomma, parliamo di un primo passo per l’abbattimento di quelle barriere culturali e sociali, che spesso impediscono alle persone disabili di accedere a luoghi sportivi e pubblici e a coloro che provengono da contesti difficili di godere del proprio tempo libero.

Ma la forza del progetto è anche “fare rete”, tutte le attività sportive si realizzano nelle strutture delle associazioni e organizzazioni inserite nel circuito, mentre quelle culturali e ricreative (corso di pittura, musica, lezioni di chitarra ecc.) si svolgono all’interno di un’officina culturale.

Per votare il progetto basta un semplice click: registrarsi sul sito, assegnare un massimo di 10 voti e diffondere il progetto.