Libia Migranti
Migranti

Perché la Francia consegna barche militari alla guardia costiera libica?

30 Aprile Apr 2019 1400 30 aprile 2019
  • ...

Con l'invio di sei barche alla marina libica, il governo francese scatena l'ira di otto Ong francesi, che hanno presentato un ricorso al tribunale di Parigi: «quelle sono barche militari, non da soccorso»

Sono 8 le Ong che nelle scorse ore hanno presentato ricorso al Tribunale amministrativo di Parigi contro la consegna da parte della Francia di imbarcazioni alla marina libica.
Già a febbraio il Ministro delle Forze Armate, Florence Parly, aveva annunciato l'intenzione, inviando gratuitamente imbarcazioni per «aiutare Tripoli a contrastare l'immigrazione clandestina». È proprio così?

La questione si complica, perché Amnesty International France che, con Médecins sans Frontieres è tra le organizzazioni che hanno presentato ricorso, la consegna va sospesa.

Cécile Coudriou, presidente di Amnesty International France, alla Reuters attacca: «Molti esempi dimostrano che la guardia costiera libica tratta i migranti in maniera estremamente brutale, è totalmente irrispettosa dei diritti umani e li rimanda all'inferno».

Amnesty ricorda sul suo sito web che i migranti intercettati mentre cercavano di fuggire dalla Libia «sono collocati in centri di detenzione con condizioni di vita al di sotto degli standard» umanitari. Viene indicato il caso-Italia, come esempio da non seguire. E, poi, crescono i dubbi tecnici, non solo quelli di opportunità politica.

A inquietare le Ong è soprattutto la tipologia di imbarcazioni che verranno consegnate alla guardia costiera libica. Il governo, riporta il quotidiano Libération, le ha acquistate dall'impresa Sillinger, la stessa che rifornisce le forze speciali d'Oltralpe. Sono modelli militari 1200 Rafale di quasi 12 metri di lunghezza, molto veloci, in grado di trasportare fino a 25 persone.

Secondo le informazioni fornite da Sillinger sul suo sito web, hanno un optional che inquieta le Ong: la possibilità di installare, a poppa e a prua, porta mitragliatrici.

Il modello di imbarcazione che la Francia consegnerà alla guardia costiera libica

Nel 2011 l'Unione Europea - tanto evocata da Macron per la sua campagna elettorale - ha istituito un embargo che vieta la fornitura, la vendita e il trasferimento diretto o indiretto di armi e altre attrezzature militari alla Libia. Tale embargo si basa su quello adottato dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Gli embarghi europei e internazionali e l'ATT impongono agli Stati di non trasferire attrezzature militari che violerebbero il diritto internazionale. Il trasferimento di navi dalla Francia verso la Libia sarebbe dunque contrario alle norme vigenti sul trasferimento di armi e renderebbe la Libia complice di tali violazioni.

Contenuti correlati