Migranti

L'Onu accusa l'Italia di violare gli accordi internazionali

18 Maggio Mag 2019 1859 18 maggio 2019

"Ci sono fondate ragioni per ritenere che le direttive del governo italiano" su migranti e ong costituiscano una grave violazione "delle convenzioni internazionali" sui Diritti dell'uomo e la protezione dei migranti e rifugiati. L'atto d’accusa, datato 15 maggio, arriva dalle Nazioni Unite

  • ...
Onu16 FOTO DI © FABIO MAZZARELLA:SINTESI
  • ...

"Ci sono fondate ragioni per ritenere che le direttive del governo italiano" su migranti e ong costituiscano una grave violazione "delle convenzioni internazionali" sui Diritti dell'uomo e la protezione dei migranti e rifugiati. L'atto d’accusa, datato 15 maggio, arriva dalle Nazioni Unite

"Ci sono fondate ragioni per ritenere che le direttive del governo italiano" su migranti e ong costituiscano una grave violazione "delle convenzioni internazionali" sui Diritti dell'uomo e la protezione dei migranti e rifugiati. L'atto d’accusa, datato 15 maggio, arriva dalle Nazioni Unite che attraverso l'Ufficio del Commissario per i Diritti Umani di Ginevra ha inviato una lettera di 11 pagine al ministro degli esteri italiano.

La firmataria è Beatriz Balbin, capo delle procedure speciali dell’Alto commissariato per i Diritti umani. Attraverso il rappresentante dell’Italia alla sede delle Nazioni Unite di Ginevra, Gian Lorenzo Cornado la lettera è arrivata al ministero degli Esteri a Roma.
Nella lettera sono riportate le considerazioni dello staff di relatori sui diritti umani (leggi qui), la xenofobia, le migrazioni.

Vengono espresse preoccupazioni per il decreto sicurezza, che nella versione bis potrebbe essere approvato dal Consiglio dei ministri lunedì. Tra i punti più criticati vi è il varo delle multe per chi salva migranti.

Inoltre viene messa in discussione la capacità dell’Italia di rispettare le Convenzioni internazionali, di cui l’Italia è firmataria e non di rado è stata promotrice. Comprese le modalità con cui adempie agli “obblighi di prevenire la perdita di vite umane” delle persone che scappano dalla Libia e da altri Paesi attraverso il Mar Mediterraneo.

La lettera inviata al nostro Ministro degli Esteri

Nell’atto di accusa si allude a “rapporti Onu che documentano le sistematiche violazioni dei diritti umani in Libia”, paese che i alcun modo può essere considerato porto sicuro e la cui collaborazione alla cattura dei migranti con la cosiddetta Guardia Costiera costituisce uno degli elementi di allarme.
Uniche parole di apprezzamento e gratitudine sono riservate alle forze navali italiane per il loro impegno nei salvataggi. Ma a causa della mancanza di indicazioni governative per favorire i soccorsi, il ruolo delle Ong diventa “essenziale per salvare vite umane”.

Qui la traduzione della lettera

A fondo pagina scaricate la lettera

Contenuti correlati