Migranti

Unione africana, Unione Europea e Onu insieme per il sostegno dei migranti intrappolati in Libia

25 Settembre Set 2019 1830 25 settembre 2019

UA - UE - ONU, la task force tripartita che dal 2017 ha permesso il rimpatrio di 48.000 migranti dalla Libia verso i loro paesi d'origine ha fatto il punto stamattina a New York ripromettendosi ancor più collaborazione per il bene dei migranti

  • ...
Campi Ufficiali Libia
  • ...

UA - UE - ONU, la task force tripartita che dal 2017 ha permesso il rimpatrio di 48.000 migranti dalla Libia verso i loro paesi d'origine ha fatto il punto stamattina a New York ripromettendosi ancor più collaborazione per il bene dei migranti

Il presidente della Commissione dell'Unione africana, Moussa Faki Mahamat, il commissario per gli Affari sociali della Commissione dell'Unione africana, Amira El Fadil, l'alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, il vicepresidente della Commissione, Federica Mogherini, le Nazioni Unite con l'Alto Commissario per i rifugiati Filippo Grandi e il Direttore Generale della IOM, António Vitorino, hanno discusso oggi dei prossimi passi e delle priorità della Task Force, il suo sostegno in Libia e le possibilità di ulteriori lavori congiunti.

La Task Force è stata istituita dall'Unione Africana, dall'Unione Europea e dalle Nazioni Unite a novembre 2017, a margine del 5 ° vertice UA-UE ad Abidjan, con l'obiettivo di salvare e proteggere la vita di migranti e rifugiati lungo le rotte migratorie, e in particolare all'interno della Libia. Ciò ha consentito l'avvio di un importante programma di rimpatrio umanitario volontario assistito e di operazioni di evacuazione, che fino ad oggi ha portato a oltre 48.000 rimpatri umanitari volontari di migranti dalla Libia nei loro paesi di origine, facilitati da IOM e Stati membri dell'Unione africana, nonché oltre 4.000 evacuazioni di rifugiati dell'UNHCR dalla Libia.

Tuttavia, il conflitto in Libia continua a incidere pesantemente sulla situazione umanitaria già fragile e in deterioramento di molti civili, compresi migranti e rifugiati nel paese e, di conseguenza, la Libia ha bisogno di ulteriore sostegno per affrontare meglio le sfide che continua ad affrontare, in linea con quadri e strumenti internazionali esistenti, norme e standard. A questo proposito, i membri della Task Force hanno deliberato su come consolidare la cooperazione con le autorità libiche negli sforzi per aumentare i rimpatri volontari assistiti e le evacuazioni dalla Libia, smantellare l'attuale sistema di arresti arbitrari e detenzione di migranti e creare alternative alla detenzione, come nonché garantire che i diritti dei migranti e dei rifugiati siano ugualmente protetti.

I membri hanno inoltre ribadito la necessità di raddoppiare gli sforzi volti a sostenere i migranti di ritorno in modo più completo al fine di reintegrarli nelle loro comunità nei paesi di origine per un programma di rimpatrio sostenuto. La Task Force ha accolto con favore, in particolare l'iniziativa del Ruanda, dell'Unione africana e dell'UNHCR di istituire un meccanismo di transito di emergenza (ETM) in Ruanda che consente l'evacuazione delle persone bisognose di protezione internazionale dalla Libia, come un gesto importante dell'Africa solidarietà. I membri della Taskforce hanno convenuto che la Task Force AU-UE-ONU rappresenta un quadro unico per un'azione congiunta e trilaterale che ha dimostrato di avere successo nel raggiungere risultati sul campo. Hanno ribadito il loro impegno e la necessità di rafforzare ulteriormente i meccanismi coordinativi della Task Force e hanno convenuto di esplorare le possibilità di aumentare la cooperazione UA-UE-ONU.

Contenuti correlati