Bystander 4335726 1280
Empowerment

Donne nei consigli di amministrazione? Impariamo dall'Africa, prima al mondo

27 Novembre Nov 2019 1500 27 novembre 2019
  • ...

L'Africa deve fare ancora molto per la parità di genere, ma alcuni Paesi stanno già tracciando la strada. Per implementare la gender equality, spiega un rapporto McKinsey pubblicato oggi, una delle leve fondamentali sarà la tecnologia. Mentre all' Italia Africa Business Week, giunto al suo secondo giorno, si discute di come il futuro del Continente è già 4.0. Bisogna solo rendere questa tecnologia più inclusiva

Ogni giorno, nel mondo, muoiono 800 donne per ragioni legate al parto. La quasi totalità di queste morti, secondo l'Organizzazione Mondiale della Salute, poteva essere evitata grazie alla prevenzione. La quasi totalità di queste morti (99%) avviene in Paesi in via di sviluppo, la metà dei quali avviene nell'Africa subsahariana.

Ma l'Africa non è solo questo: è un continente in movimento, anche per i diritti delle donne. Da un'analisi di McKinsey Global Institute pubblicata in queste ore, si capisce come 1 membro di un consiglio di amministrazione su 4 sia donna.

The power of parity. Advancing women’s equality in Africa

Fonte: McKinsey Global Institute

Tuttavia, andando dentro i dati, si capisce come a dare forza alla tendenza siano solo pochi Paesi e, soprattutto, Paesi in cui le donne occupano posizioni di leadership in settori come le risorse umane e o legali che sono considerate poco vantaggiose in vista di un possibile salto di livello, ad esempio da consigliere ad AD. Ad aver fatto progressi in tal senso, sono nazioni come Botswana, Kenya, Uganda, Uganda, Ruanda e Sudafrica.

Dal 2015 a oggi, si legge nel Rapporto, i progressi nell'aumentare la presenza delle donne nei ruoli dirigenziali intermedi sono arretrati in media di circa l'1% all'anno in tutta l'Africa. Dati contraddittori, insomma, che però non smentiscono una tendenza di fondo: là dove l'indipendenza economica delle donne è meglio garantita, cresce anche il loro livello di mobilità sociale verso l'alto.

Oltre la disuguaglianza di genere

In 34 dei 91 paesi che McKinsey ha studiato, le donne hanno dovuto affrontare disuguaglianze tra i sessi molto o molto elevate per quanto riguarda l'inclusione finanziaria. Per crescere, l'Africa ha bisogno più che mai di gender parity. Ma per farlo, deve intervenire su ogni singolo indicatore di disuguaglianza con azioni di sistema da parte di governi, aziende, non profit, comunità e singoli,

I programmi di empowerment di successo hanno una serie di elementi comuni individuati da McKinsey.

  • In primo luogo, essi affrontano atteggiamenti e comportamenti profondamente radicati nei confronti delle donne.
  • In secondo luogo, i programmi sono progettati per ottenere un impatto duraturo.
  • In terzo luogo, lavorano con le donne come partner per identificare i problemi e coinvolgere gli stakeholder più appropriati che possono essere uomini o donne, ma che devono essere efficaci agenti di cambiamento.
  • In quinto luogo, i programmi di successo includono il monitoraggio e la valutazione per monitorare i progressi e fornire informazioni che possono guidare la responsabilità e l'impegno verso gli obiettivi.

The power of parity. Advancing women’s equality in Africa

Fonte: McKinsey Global Institute

Italia Africa Business Week: il futuro del Continente è già 4.0

La creazione di percorsi per le donne africane - la stragrande maggioranza di loro lavora ancora in modo informale - in lavori meglio retribuiti e più soddisfacenti è considerata una delle priorità.

Così come l'industria 4.0 - tema della seconda giornata dell'Italia Africa Business Week che si è tenuta oggi a Milano - e le tecnologie digitali, che si stanno diffondendo in tutta l'Africa, possono può essere la leva che apre molte porte alle donne contribuendo a superare le sfide attuali su una serie di indicatori di uguaglianza di genere.

Con l'Africa che ha la popolazione più giovane del mondo, la domanda di nuove tecnologie e tecnologie smart è destinata a crescere toccando un'ampia gamma di prodotti (come i prodotti alimentari e le bevande), i produttori di materie prime (metalli, agricoltura) e i produttori di prodotti di precisione (prodotti farmaceutici e componenti elettronici). In tutti questi settori dovrebbe crescere l'investimento nell'industria 4.0.

«In Africa noi saltiamo le tappe. In Burkina tutti quanti fanno acquisti col cellulare. Abbiamo saltato le carte di credito», ha detto il Ministro dell'Industria, del Commercio e dell’Artigianato del Burkina Faso, ​Harouna Kabore​, intervenuto all'Italia Africa Business Week, che ha radunato centinaia di aziende, imprenditori e stakeholder.

«Nel mio paese, il Benin, il digitale è una realtà. Con gli investimenti e i lavori in corso per l’installazione della fibra ottica, l’economia digitale avrà un ruolo sempre più importante. Un punto molto importante è la riforma dell’Agenzia delle esportazioni. La riforma delle dogane e la zona economica speciale, con un regime fiscale interessante, sono i punti attraenti per gli investitori», ha invece spiegato ​Albin Feliho presidente della CONEB, la Confederazione delle imprese del Benin.

Ora si tratta di fare un nuovo salto, verso il design inclusivo delle tecnologie.

Molte applicazioni di queste tecnologie, leggiamo nel rapporto di McKinsey, si adattano sia agli uomini che alle donne, ma la società ha l'onere di garantire che siano progettate con una lente di genere (gender design) in modo che le donne possano trarne pieno vantaggio.

Le priorità comprendono la creazione di prodotti favorevoli alle donne per favorire l'inclusione digitale e la diffusione dell'uso del digitale per aumentare l'inclusione finanziaria e rafforzare il ruolo delle imprenditrici.

Insomma, una bella sfida. Per l'Africa e per il mondo.

Contenuti correlati