No slot

Bergamo sospende ogni forma di azzardo in vendita nei tabaccai

15 Marzo Mar 2020 1725 15 marzo 2020

Un'ordinanza firmata oggi da Giorgio Gori impedisce di vendere ogni forma di gioco d'azzardo, Gratta e vinci e giochi simili. Troppe persone lo facevano e sui social il sindaco scrive «se in queste settimane doveste perdere l’abitudine a buttare soldi nel gioco d’azzardo...tanto meglio!»

  • ...
Casino11
  • ...

Un'ordinanza firmata oggi da Giorgio Gori impedisce di vendere ogni forma di gioco d'azzardo, Gratta e vinci e giochi simili. Troppe persone lo facevano e sui social il sindaco scrive «se in queste settimane doveste perdere l’abitudine a buttare soldi nel gioco d’azzardo...tanto meglio!»

Il DPCM dell’8 marzo e integrato il 9, ha previsto la sospensione su tutto il territorio nazionale di sale giochi, sale scommesse e bingo ma nei tabaccai rimasti aperti secondo le disposizioni del decreto del governo., è possibile trovare altre tipologie di gioco.

«Tante segnalazioni di persone che ancora oggi si recano con regolarità nelle rivendite per giocare (gratta e vinci, slot machine, 10 e lotto)» ha pubblicato così su Twitter, il comune di Bergamo riportando la decisione del sindaco Giorgio Gori, di un ulteriore giro di vite per impedire gli assembramenti nei tabaccai .

«Diversi tabaccai — ha commentato il sindaco Gori sui canali social — ci hanno segnalato che tante persone (soprattutto anziane), nonostante i pressanti inviti a non muoversi di casa, si presentano regolarmente nei loro negozi per acquistare i famosi “grattini”,( ovvero i Gratta e Vinci e simili), o per giocare alle slot o al 10eLotto. Non è per questi “articoli” che il Decreto della Presidenza del Consiglio consente alle tabaccherie di restare aperte in queste settimane! — e aggiunge nel post — «Ho quindi firmato, pochi minuti fa , un’ordinanza che prescrive la sospensione immediata di tutte le tipologie di gioco nelle tabaccherie. RIMANETE A CASA, vi ripeto, e se in queste settimane doveste perdere l’abitudine a buttare soldi nel gioco d’azzardo...tanto meglio!».

Contenuti correlati