Woman Sabine Van Erp Pixabay
#Covid19

Milano, al Pio Albergo Trivulzio telemedicina disponibile per 11mila pazienti

29 Marzo Mar 2020 1451 29 marzo 2020
  • ...

Già garantita la continuità assistenziale a distanza per 1000 pazienti, fra cronici e Day Hospital. Da lunedì 30 marzo l'offerta si rivolge anche ai 10mila pazienti ambulatoriali di geriatria, neurologia, cardiologia, diabetologia, endocrinologia, pneumologia, gastroenterologia e reumatologia

L'Asp IMMeS e Pio Albergo Trivulzio per continuare a curare e non lasciare soli i propri pazienti, che non possono uscire di casa per colpa del coronavirus, ha attivato servizi a distanza in telemedicina. Le cure e le prescrizioni specialistiche arrivano così direttamente a casa. Senza nessun rischio per medico e paziente.
Mille pazienti, fra cronici e Day Hospital, sono già in cura ma il servizio è già pronto per assistere anche gli altri 10 mila pazienti degli ambulatori specialistici.

Il protocollo di telemedicina è stato attivato il 9 marzo, iniziando da chi ne aveva più bisogno, ovvero i 500 pazienti cronici in carico all'istituto tramite i Piani Assistenziali Individuali (Pai) di Regione Lombardia. Si tratta di persone in cura negli ambulatori della struttura, ormai chiusi al pubblico dai decreti governativi e regionali, affetti da una o più patologie croniche pluricomplicate, fra cui quelle geriatriche (demenza e Alzheimer), neurologiche (Parkinson), diabetiche ed endocrinologiche, cardiologiche, pneumologiche e reumatologiche. Tutti quadri clinici che non possono attendere il ritorno alla normalità e che devono essere trattati con continuità. Necessità che mal si concilia con l'emergenza sanitaria che il Paese sta vivendo in queste settimane a causa del coronavirus e che richiede una distanza sociale impossibile da mantenere nelle visite mediche specialistiche abitualmente svolte in ambulatorio.

Da qui la necessità di continuare a monitorare i pazienti a casa propria, in totale sicurezza e senza esporli ai pericoli di contagio, che risultano essere maggiori per i soggetti affetti da una patologia cronica.
La telemedicina attivata dal Pio Albergo Trivulzio è quindi attualmente l'unico sistema che permette di continuare a curare rispettando la distanza fisica fra individui - in questo caso medico e paziente - richiesta dai decreti del Governo italiano. Ecco perché l'istituto lo ha già attivato anche per i 500 pazienti del Day Hospital.

Da lunedì 30 marzo anche chi è seguito dagli ambulatori della struttura potrà sfruttare il servizio: sono 10mila i potenziali pazienti per cui l'Asp IMMeS e PAT sta mettendo a disposizione la propria piattaforma online, raggiungibile dal sito internet istituzionale www.iltrivulzio.it

«Questo sistema permette la tracciabilità della visita e del contatto diretto e costante con il paziente tramite un portale dedicato da cui sarà possibile ricevere indicazioni, esami e tutte le applicazione necessarie per monitorarsi», spiega la dottoressa Barbara Caimi, cardiologa e Direttore della Struttura Poliambulatori del Pat.
«L'invecchiamento progressivo della popolazione, l'aumento del numero di pazienti affetti da malattie croniche che risiedono permanentemente in casa e la limitata capacità di fornire assistenza in periodo di emergenza sanitaria fanno delle telemedicina uno strumento ideale per favorire l'incontro fra i nostri pazienti e gli specialisti», ha concluso il Direttore Generale dell'Asp IMMeS e Pat, Giuseppe Calicchio. «Senza contare che questo strumento ottimizza le risorse dedicate alla cura e permette di puntare molto sulla prevenzione attraverso un monitoraggio più puntuale».

In apertura foto di Sabine van Erp da Pixabay

Contenuti correlati