Coronavirus Italia Ospedale Bergamo
#Covid19

Per l'emergenza donati 657 milioni di euro impegnati su 801 iniziative

23 Aprile Apr 2020 1058 23 aprile 2020
  • ...

A dirlo sono i dati dell'Osservatorio Italia Non Profit. «È il più grande avvenimento solidale della storia recente italiana», sottolinea l'amministratore unico Giulia Frangione

In Italia la solidarietà è più contagiosa del virus. Lo dimostrano i numeri diffusi oggi da Italia non profit che rende pubblici per la prima volta i dati relativi a tutte le pagine web attivate a sostegno dell’emergenza Covid-19. Una testimonianza della volontà crescente dei cittadini di conoscere ed essere orientati verso una donazione più consapevole.

«Dicono che la generosità sia contagiosa e che sapere che altri si danno da fare per raggiungere un obiettivo comune renda più facile il perseguimento del fine: Italia non profit ha quindi scelto di condividere i dati delle iniziative realizzate in risposta all’emergenza come segnale positivo, per favorire la cultura del dono e la sua digitalizzazione, modalità quanto mai necessaria in questo periodo di impossibilità di contatto diretto. I dati del nostro Osservatorio, ci mostrano che le persone desiderano orientarsi, e che una volta individuata una lista, vogliono essere libere di decidere e di scegliere. Oggi non è rilevante soffermarci solo sull’ammontare del valore delle donazioni, peraltro ancora in corso, quanto sui segnali importanti sul modo in cui le persone si informano e cercano di orientarsi prima di effettuare le donazioni, su come agisce la filantropia e sui bisogni del sistema sanitario e sociale», spiega Giulia Frangione, amministratore unico di Italia non profit, «In questo periodo di separazione forzata, la donazione è uno dei pochi atti che fa sentire i cittadini partecipi in uno sforzo comune, offrendogli la possibilità di sentirsi parte di una comunità che combatte per una causa che interessa davvero tutti» , conclude Frangione.

Insight 13 marzo – 15 aprile: relativi all’iniziativa Sostieni un ospedale realizzata in collaborazione con Assif e che aggrega le campagne di raccolta fondi verificate, ossia approvate direttamente dagli ospedali.

La Solidarietà non ha confini:

  • Oltre 113mila visite da tutto il mondo per sostenere gli ospedali italiani, di questi oltre 22mila hanno proseguito la navigazione sulle singole raccolte fondi, navigando per regioni e province di tutto il Paese. L’interesse è arrivato da tutti i continenti.
  • Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Svizzera e Francia i 5 paesi con maggior numero di visite
  • al 13 marzo c’erano 11 ospedali e 7 campagne crowdfunding, ad oggi ci sono 90 ospedali e 53 campagne di crowdfunding validate
  • 40 segnalazioni giornaliere di campagne di raccolta fondi a favore di un ospedale
  • 143 campagne verificate destinate a 90 strutture ospedaliere
  • La cartina riporta la provenienza delle visite su scala mondiale al sito per donare agli ospedali italiani
  • I link agli ospedali italiani fanno il giro del mondo. Fedez parla dell’iniziativa a Domenica In, due dei protagonisti della serie Grey’s Anatomy trovano la pagina e la linkano su Instagram.
  • Sono soprattutto i giovani a orientarsi cercando risposte online: il 54% dei visitatori ha un’età compresa tra i 18 e i 34 anni. In generale sono le donne a volersi informare di più (61%).

Insight 18 marzo – 15 aprile relativi alla sezione Filantropia a Sistema realizzata in collaborazione con Assifero volta a mappare gli aiuti filantropici in risposta al Covid-19.

L’obiettivo della sezione è quello di delineare un quadro unico delle iniziative, e semplificare sia la ricerca di nuove opportunità e supporti, sia capire come e verso quali beneficiari si sta muovendo la filantropia organizzata e quella più spontanea e meno mediata. La mappatura realizzata ci ha permesso di scoprire quello che probabilmente è il più grande avvenimento solidale della storia recente italiana:

  • 657 milioni di euro il valore del totale delle donazioni e fondi mappati fino al 15 aprile. La mappatura è ancora in corso
  • 801 iniziative di filantropia attivate da aziende, Fondazioni di Origine Bancaria, enti non profit, privati cittadini
  • 609 sono i donatori/promotori che abbiamo fino ad ora individuato o che ci hanno segnalato delle attività. La maggior parte delle iniziative mappate è stata segnalata direttamente dai promotori o da privati cittadini che si sono attivati colpiti da questo significativo “movimento” solidale.

  • La filantropia si muove a 360° e guarda al benessere più generale del Paese: 470 le iniziative di aiuto rivolte a ospedali, 170 in favore di enti non profit, 131 cittadini/famiglie, 94 Pubblica Amministrazione, 72 Protezione Civile, 32 aziende, 24 scuole, 7 università.
  • Tipologie di aiuti: 386 Donazioni in denaro, 163 donazioni di beni, 141 donazioni di servizi, 69 fondi, 27 bandi, 15 credito e agevolazioni

Si ringraziano per la collaborazione: Assifero (partner di progetto), Fondazione CRT, Fondazioni di Comunità collegate a Fondazione Cariplo, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, UniCredit Foundation, Fondazione Unipolis, Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana, Fondazione SociAL, Fondazione della Comunità di Mirafiori Onlus, ASSIF, AOI, CSVnet Lombardia, CSV di Vicenza, CSV di Padova, CSR Manager Network, FERPi, Salone della CSR e dell’innovazione sociale, ANCOS Confartigianato, B Heroes, Sardex, Coop Lombardia, Banca Etica, Iccrea Banca, Gruppo Assimoco, Avanzi, iRaiser, Scuola di Fundraising di Roma, koinètica, Fondazione Italiana Accenture, Fondazione ANT, Fondazione ABIO, Vidas, Fondazione Progetto ARCA, Oxfam Italia, Casa OZ, Magazzini OZ, CBM Italia Onlus, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, Fondazione FOQUS, , Associazione Neo e Associazione Migranti e Banche, Catterina Seia, Luigi Bobba.

Insight 03 aprile - 15 aprile : relativi alla piattaforma Sostieni gli Enti non profit realizzata per dare un aiuto concreto al Terzo Settore che a causa dell’emergenza è stato costretto a rimodulare la propria attività.

Come stanno le organizzazioni non profit e i loro beneficiari? Nuove attività per far fronte all’emergenza e ridurre l’impatto sociale del COVID-19:

  • oltre 600 gli enti non profit che hanno partecipato alla mappatura dei bisogni su scala nazionale, voluta per analizzare fabbisogni e orientare policy e interventi filantropici mirarti per i territori e le comunità. L’indagine è ancora in corso e ha coinvolto numerosi partner della filantropia istituzionale e fondazioni di origine bancaria.
  • 78% percentuale di enti non profit che dichiara di avere più che dimezzato la propria attività
  • Si riducono le attività del privato sociale in termini quantitativi: 45 è totalmente fermo, il 33% ha dimezzato la propria attività, il 12% l’ha ridotta in parte, il 4% è attivo in minima parte
  • Solo il 6% prosegue come prima dell’emergenza

  • Ad oggi, sono 119 gli enti mappati da tutta Italia, che hanno attivato una campagna di raccolta fondi e che è possibile trovare in un unico luogo: https://italianonprofit.it/donazioni/coronavirus/ di questi 67 svolgono una attività di prima linea, direttamente in contrasto al Covid-19 fra cui: supporto logistico e psicologico agli staff sanitari, trasporto malati, aiuto ai caregiver, sostegno alle fasce più fragili del tessuto sociale.
  • Molte delle raccolte sono inoltre indirizzate a garantire lo svolgimento della attività istituzionale verso anziani, vittime di violenza, bambini, etc.
  • Nelle prime 2 settimane di vita il portale ha generato oltre 10.0000 pagine viste verso questi enti non profit. Il 50 % delle campagne di raccolta fondi, in questa emergenza, è stato attivato sfruttando una piattaforma di crowdfunding e sono numerose le partnership fra enti che promuovono insieme gli sforzi di fundraising per ottimizzare la raccolta
  • Oltre al supporto economico, gli enti non profit hanno segnalato la necessità di ricevere donazioni di beni, in particolare, sono tra i prodotti più richiesti: mascherine, guanti e prodotti per la sanificazione.

Contenuti correlati