Nigeria Save The Children
Save The Children

In Nigeria migliaia di bambini a rischio a causa della pandemia e della povertà

24 Aprile Apr 2020 1129 24 aprile 2020
  • ...

Coronavirus: Save the Children, in Nigeria rischiano di essere colpiti centinaia di migliaia di bambini da una pericolosa combinazione di povertà, fame e violazioni dei diritti L’Organizzazione lavora con tutte le parti interessate per garantire servizi di protezione sociale più accessibili ai vulnerabili, chiedendo al contempo un maggiore coinvolgimento dei minori nelle misure in risposta al Covid-19 che li riguardano

In Nigeria la pandemia di COVID-19 rischia di trasformarsi in una grave crisi dei diritti dei bambini, dal momento che centinaia di migliaia di minori vulnerabili potrebbero essere esposti a una pericolosa combinazione di estrema povertà, malnutrizione e fame a causa del virus. Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini e garantire loro un futuro, teme chel'impatto socioeconomico della pandemia spingerà molte famiglie povere a fare di tutto per sopravvivere, distruggendo le speranze di una generazione di bambini, che potrebbero essere maggiormente a rischio di lavoro minorile, sfruttamento sessuale o matrimoni precoci per aiutare a sfamare le proprie famiglie.

Save the Children esorta le autorità nigeriane ad aumentare le misure di protezione sociale come la fornitura di denaro e l’assistenza alimentare per i bambini e le famiglie più vulnerabili, per mitigare urgentemente l'impatto della pandemia di COVID-19 nel Paese.

«Mentre il numero di casi positivi sale in Nigeria a 782 e il virus si sta diffondendo in diversi Stati, stiamo lavorando duramente per ridurre gli effetti negativi che tutto questo avrà sui bambini più vulnerabili, specialmente nelle comunità più fragili. I minori sono gravemente colpiti e senza la protezione che necessitano qualora i genitori e gli operatori sanitari siano infettati dal virus e portati via per le cure. Stiamo lavorando a stretto contatto con il governo per sostenere gli sforzi per contenere il virus e mantenere i bambini al sicuro e protetti durante la pandemia», ha dichiarato Mercy Gichuhi, Direttore di Save the Children International Nigeria.

«Il coronavirus sta minacciando il nostro diritto alla partecipazione, alla protezione, all’educazione e alla vita sana. Temo un possibile aumento degli abusi sui minori poiché i bambini delle famiglie povere potrebbero rivolgersi ai ricchi della comunità col rischio di essere sfruttati emotivamente, fisicamente o sessualmente, in cambio di cibo e supporto finanziario. C’è chi si approfitta delle famiglie povere e della pandemia. Questo può avere un impatto molto negativo e a lungo termine sui minori», ha detto Ibrahim Maharazu, presidente del Parlamento dei bambini dello Stato di Katsina.

Save the Children lavorerà con tutte le parti interessate per garantire servizi di protezione sociale più accessibili per le persone vulnerabili, anche attraverso il potenziamento e la riforma dei programmi di protezione e di sussistenza esistenti. L’Organizzazione esorta il governo a fornire cure e protezione adeguate a tutti i bambini, soprattutto a coloro che sono rimasti orfani o soli perché chi si occupa di loro è in ospedale a causa del virus. Attraverso i programmi per assicurare una rete di sicurezza sociale, il governo dovrebbe anche fornire un reddito immediato e mezzi di sussistenza alle famiglie vulnerabili, per ridurre il rischio che la disperazione li induca a mettere a rischio i minori, in particolare le ragazze.

«Dobbiamo agire subito e aumentare rapidamente il sostegno ai bambini, che vivono in comunità fragili e il cui reddito familiare è insicuro. È necessaria una maggiore protezione per i minori, in particolare per le ragazze, i bambini sfollati e gli altri gruppi vulnerabili. I nostri sforzi collettivi e le azioni sostenibili nel rispondere alla pandemia dovrebbero garantire che nessun bambino venga lasciato indietro, vulnerabile o non protetto», ha aggiunto Mercy Gichuhi.

Save the Children sta acquistando materiali per dispositivi di protezione individuale (DPI) e prevenzione e controllo delle infezioni (IPC) che verranno donati alle agenzie governative competenti che coordinano la risposta COVID nel Paese. Inoltre, è in corso l'adattamento dei programmi esistenti di Save the Children, al fine di rispondere all’epidemia di coronavirus attraverso la sensibilizzazione delle comunità e l'offerta dei dispositivi di protezione e di prevenzione per il controllo delle infezioni.

«È importante che i bambini e gli altri gruppi marginalizzati non siano esclusi dalle attività di risposta al Covid-19. Dovrebbero essere tenuti al sicuro ma anche consultati in merito alle adeguate misure relative all’istruzione e alla protezione da mettere in atto», ha affermato Maryam Ahmed, ambasciatrice della gioventù di Save the Children International Nigeria.

Save the Children, che lavora in Nigeria dal 2001 ed è attualmente presente in 12 Stati, apprezza gli sforzi del governo per realizzare diversi programmi di sensibilizzazione per educare la comunità riguardo al coronavirus e alle misure preventive, ma fa appello a tutte le parti del governo, sia a livello nazionale che locale, affinchè garantiscano che le voci dei bambini siano ascoltate e che siano al centro dei piani di preparazione, risposta, prevenzione e controllo del coronavirus.

«Il Covid-19 è un disastro. Ha influenzato il nostro modo di vivere e interrotto la nostra routine, inclusa la frequenza scolastica e la regolarità delle entrate. Conosco bambini i cui genitori sono piccoli commercianti che in questi giorni hanno difficoltà a procurarsi il cibo. Potrebbero non essere in grado di permettersi nemmeno un pasto al giorno. Queste famiglie vivono alla giornata, non hanno scorte di cibo o risparmi su cui contare. Pertanto, il governo deve fornire assistenza finanziaria o prodotti alimentari sufficienti, che possano raggiungere le persone nell’immediato. Questo potrebbe ridurre il rischio di sfruttamento, violenza domestica e abusi sui bambini, in particolare sulle ragazze» ha detto Purezza Oriaifo, 14 anni, Save the Children International Nigeria.

Credit foto (Save the Children)