Fondazione l'Albero della Vita

"SOS", l'opera di Tvboy dedicata ai bambini che vivono un isolamento fisico e tecnologico

27 Maggio Mag 2020 1502 27 maggio 2020

A ispirare l'artista l’impegno della Fondazione che in emergenza Covid19 porta un aiuto alle famiglie che vivono in povertà, con buoni spesa, tablet e connessioni internet. "SOS" cita simbolicamente “La creazione di Adamo” di Michelangelo, in cui il Padre tende la mano verso la sua Creatura. Un gesto d’amore e di speranza, per abbattere le disuguaglianze sociali

  • ...
Tvboysos Print
  • ...

A ispirare l'artista l’impegno della Fondazione che in emergenza Covid19 porta un aiuto alle famiglie che vivono in povertà, con buoni spesa, tablet e connessioni internet. "SOS" cita simbolicamente “La creazione di Adamo” di Michelangelo, in cui il Padre tende la mano verso la sua Creatura. Un gesto d’amore e di speranza, per abbattere le disuguaglianze sociali

Tvboy, Street Artist di fama internazionale, noto per i suoi innumerevoli murales, che reinterpretano in chiave ironica e dissacrante il mondo contemporaneo, ha scelto di aderire alla campagna di Fondazione L’Albero della Vita, per dare il suo contributo in questo momento così difficile per l’Italia.

L’opera, dal titolo "SOS", è dedicata a quei bambini che vivono in quartieri periferici, e che spesso appartengono a famiglie disagiate, la cui condizione è stata ulteriormente aggravata dalla pandemia in corso. Bambini che vivono un isolamento fisico e tecnologico, per la mancanza di risorse adeguate.

La recente cronaca ci racconta infatti di molti casi in cui l’interruzione della frequenza scolastica si è trasformata in un vero e proprio abbandono dei più piccoli, su cui è necessario porre l’attenzione. Ecco quindi che l’arte di TVBOY, arriva in soccorso delle fasce più deboli per lanciare un messaggio forte: “I bambini sono la forza vitale della nostra società, aiutiamoli a rialzarsi”.

"SOS" cita simbolicamente “La creazione di Adamo” di Michelangelo, in cui il Padre tende la mano verso la sua Creatura. Un gesto d’amore e di speranza, per abbattere le disuguaglianze sociali.

L’infanzia caduta a cui tendere la mano è l’immagine puntuale della fragilità di centinaia di migliaia di bambini nel nostro Paese, dove la povertà che colpisce da anni oltre a un milione e duecentomila bambini, si accompagna quasi sempre con la marginalità sociale e le grandi difficoltà nel campo dell’istruzione. L’acuirsi della indigenza a seguito dell’emergenza COVID-19 è stato un fatto immediato per tantissime famiglie già in povertà assoluta che ha portato grandi sofferenze ai bambini escludendoli di fatto dalla scuola, togliendo tal loro piatto quel poco cibo di cui le famiglie disponevano, moltiplicando le tensioni familiari e assoggettandoli a nuove violenze, subite e assistite”. Dichiara Ivano Abbruzzi, direttore generale dell’Ente. “Il messaggio di Tvboy è semplice e diretto: non lasciamo da soli questi bambini. Hanno bisogno di tutti noi”.

Fondazione L’Albero della Vita che affronta queste problematiche da anni lavorando nei quartieri più degradati delle grandi città, ha raccolto immediatamente la sfida dell’emergenza sociale attivata da questa pandemia assicurando, in collaborazione con la Cooperativa Sociale L’Albero della Vita, spesa alimentare per centinaia di famiglie, tablet, connessioni e accompagnamento educativo a tantissimi bambini. Ad oggi ha portato 5.000 buoni pasto, più di 700 dispositivi e connessioni internet per circa 2.000 bambini. L’intervento proseguirà anche nei prossimi mesi.

È possibile sostenere l’attività della Cooperativa Sociale L’Albero della Vita acquistando la t-shirt personalizzata con l’opera SOS sul portale Worth Wearing al link www.alberodellavita.org/tvboy e diventando così ambasciatori di questo importante messaggio. Il rischio è di lasciare nell’ombra 1 milione 260 mila bambini e adolescenti che già vivevano in povertà assoluta prima della pandemia (fonte Istat).

Contenuti correlati