Save The Children
Save The Children

Povertà minorile in diminuzione, effetto Covid rischia di vanificare il risultato

16 Giugno Giu 2020 1631 16 giugno 2020
  • ...

Secondo l’Organizzazione un milione di bambini in più in Italia rischiano di scivolare nella povertà assoluta, privi di beni essenziali per vita dignitosa

«La diminuzione dei bambini in povertà assoluta in Italia, attestata oggi dall’Istat con riferimento al 2019, è senz’altro un dato positivo, che fa registrare i primi effetti dell’introduzione del Reddito di cittadinanza dopo le sperimentazioni di misure a sostegno delle famiglie più svantaggiate, come il Sostegno per l’inclusione attiva (Sia) e il Reddito di inclusione (Rei). Tuttavia, le gravi conseguenze dell’emergenza Covid-19 rischiano di vanificare questo risultato, con la prospettiva tangibile di una nuova impennata della povertà minorile e 1 milione di bambini in più che potrebbero scivolare nella povertà assoluta, senza l’indispensabile per condurre una vita dignitosa», ha commentato Raffaela Milano, Direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children.

Negli ultimi dieci anni – sottolinea Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro - solo nel 2017 si era assistito ad una lieve riduzione della povertà minorile.

Nel 2019, secondo i dati diffusi oggi dall’Istat, l’incidenza della povertà minorile è scesa all’11,4% dal 12,6% dell’anno precedente, con 1.137.000 bambine e bambini che oggi vivono in condizioni di povertà assoluta contro i 1.260.000 del 2018. Una riduzione tuttavia modesta se si considera che la povertà minorile nel 2008 colpiva solamente 375 mila bambini, il 3,7% dei minori.

Anche nel 2019, sottolinea ancora l’Organizzazione - la povertà incide maggiormente sulla fascia di popolazione minorenne rispetto alle altre fasce d’età (9,1% per i 18-34enni; 7,2% per i 35-64enni e 4,8% per gli ultrasessantacinquenni). Il lieve miglioramento registrato quest’anno, inoltre, rimane comunque molto modesto in particolare per le famiglie numerose (16,6% quelle con 3 o più figli in povertà assoluta nel 2019) e al sud (14,8% i minori in povertà assoluta nel 2019, il 15,7% nel 2018).

«Di fronte al rischio concreto di un nuovo balzo della povertà che colpisce i bambini e le bambine nel nostro Paese, riteniamo essenziale oggi il varo di un piano nazionale straordinario di contrasto alla povertà minorile e chiediamo che reddito di cittadinanza e reddito di emergenza rivolgano un’attenzione specifica ai minori, prevedendo una dote educativa per ogni figlio minorenne dei beneficiari delle due misure, una presa in carico integrata che garantisca pari opportunità materiali ed educative a tutte le bambine e bambini in Italia – ha proseguito Raffaela Milano - . Ề infatti essenziale invertire la rotta, perché l’investimento nell’infanzia è il più efficace e duraturo degli investimenti, il miglior contributo che i decisori possano garantire alla ripresa economica e allo sviluppo di una società inclusiva e sostenibile».

Contenuti correlati