MI UDS 2019 11 Ph DL 44
5permille ad alto impatto

Progetto Arca, una storia al fianco degli ultimi

1 Luglio Lug 2020 0900 01 luglio 2020
  • ...

La onlus nell'ultimo anno ha aiutato oltre 10.500 persone, con 1 milione e 600 mila pasti serviti, 505 mila notti di accoglienza offerte e 4.600 visite mediche eseguite. «Questi numeri ci rendono orgogliosi, ma dobbiamo fare ancora di più», spiega il presidente Alberto Sinigallia

Progetto Arca è nata 26 anni fa e da allora lavoriamo ogni giorno con la stessa passione e voglia di proteggere e valorizzare ogni persona fragile e in difficoltà, accompagnandola nella ripresa della propria vita. Nell’ultimo anno abbiamo aiutato oltre 10.500 persone, con 1 milione e 600 mila pasti serviti, 505 mila notti di accoglienza offerte, 4.600 visite mediche eseguite. Questi numeri ci rendono orgogliosi, ma dobbiamo fare ancora di più, perché sono ancora molte le persone che hanno bisogno di un aiuto concreto, soprattutto dopo l’emergenza sanitaria che ha colpito il nostro paese e che ha creato situazioni ancora più drammatiche: persone senza dimora e famiglie in difficoltà hanno visto un netto peggioramento della loro già fragile vita.

Per questo abbiamo il dovere di intensificare il nostro lavoro: quando un donatore sceglie di dedicarci il suo 5permille, per noi di Progetto Arca significa poter garantire cura e accoglienza a un numero sempre maggiore di persone.

Tra le tante attività di assistenza, accoglienza e integrazione sociale realizzate tramite l’utilizzo dei fondi derivanti dal 5permille, assicuriamo un pasto alle persone senza dimora che assistiamo con le nostre Unità di strada: nell’ultimo anno abbiamo preparato e distribuito oltre 9.000 pasti ma vogliamo consegnarne ancora di più. Spesso offrire un panino e una bevanda calda non significa solo placare la fame, ma è l’inizio di un dialogo che permette la costruzione di una relazione di fiducia. E questa relazione è il primo indispensabile passo verso un nuovo percorso di vita che possa portare le persone lontano dalla strada per una ripresa della propria autonomia.

Grazie alle donazioni potremo continuare a confezionare kit igienici e cambi d’abito per gli ospiti accolti nelle strutture d’accoglienza: quest’anno i nostri operatori hanno consegnato 10.620 kit igienici e 25.000 cambi d’abito alle persone accolte nei nostri centri. Farsi una doccia, la barba, entrare nel guardaroba e scegliere gli abiti da indossare sono per noi gesti quotidiani e possono sembrare banali ma per le persone fragili sono indispensabili per recuperare la dignità che la strada porta via, giorno dopo giorno.

Destinare il proprio 5permille a Progetto Arca significa anche prendersi cura di chi non ha la possibilità di accedere alle cure mediche anche quando sta male: offriamo assistenza sociale e sanitaria H24 a chi non ha una famiglia né una casa e che, vivendo in strada, durante e dopo una malattia sarebbe esposto a inevitabili peggioramenti o ricadute.

Persone senza dimora, famiglie indigenti, persone con dipendenze, richiedenti asilo: a loro è dedicato il nostro lavoro e proprio loro sanno dove finisce il 5permille dei nostri sostenitori perché ogni giorno toccano con mano il valore concreto di ogni donazione e hanno la conferma di poter contare sulla nostra presenza. E lo sanno anche i nostri instancabili operatori e i nostri numerosi volontari, grazie ai quali garantiamo ascolto e assistenza in strada, possibilità di dormire al riparo e pasti caldi, accoglienza in case vere e distribuzione di pacchi viveri, assistenza infermieristica e cure mediche.

Da 26 anni per noi aiutare significa essere presenti in modo concreto nella vita delle persone in difficoltà, ascoltarle una ad una senza pregiudizio, offrire beni necessari alla loro vita quotidiana, che sia un pasto, una coperta o un letto, e poi andare oltre e supportarle nel percorso di recupero della propria autonomia e integrazione sociale.

Per donare il 5x1000 a Fondazione Progetto Arca, questo è il Codice fiscale: 11183570156.

Ciascuno di noi può aiutare concretamente gli altri, se solo lo vuole.


*Alberto Sinigallia, presidente Fondazione Progetto Arca

Contenuti correlati