Appelli

Il Dibattito Pubblico affossato prima ancora di nascere

10 Settembre Set 2020 1045 10 settembre 2020

Il Senato nel nel disegno di legge Semplificazioni approva una norma che prevede, causa Covid-19, una deroga al ricorso alla procedura di dibattito pubblico prima di una grande opera pubblica, come previsto invece dal Dpcm n. 76/2018 che introduce nel nostro ordinamento il «Regolamento recante modalità di svolgimento, tipologie e soglie dimensionali delle opere sottoposte a dibattito pubblico». L'appello

  • ...
Dibattito Pubblico
  • ...

Il Senato nel nel disegno di legge Semplificazioni approva una norma che prevede, causa Covid-19, una deroga al ricorso alla procedura di dibattito pubblico prima di una grande opera pubblica, come previsto invece dal Dpcm n. 76/2018 che introduce nel nostro ordinamento il «Regolamento recante modalità di svolgimento, tipologie e soglie dimensionali delle opere sottoposte a dibattito pubblico». L'appello

Siamo esperti di processi partecipativi, studiosi di democrazia deliberativa, membri di associazioni che si occupano diinnovazione democratica, cittadini impegnati per il bene comune. Scriviamo per esprimere la nostra preoccupazione per una norma approvata dal Senato nel disegno di legge Semplificazioni: l’introduzione di una deroga al ricorso alla procedura di dibattito pubblico prima di una grande opera pubblica.

Ecco la norma approvata all’articolo 8 del disegno di legge Semplificazioni:

6-bis. In considerazione dell’emergenza sanitaria da COVID-19 e delle conseguenti esigenze di accelerazione dell’iter autorizzativo di grandi opere infrastrutturali e di architettura di rilevanza sociale, aventi impatto sull’ambiente, sulle città o sull’assetto del territorio, sino al 31 dicembre 2023, su richiesta delle amministrazioni aggiudicatrici, le regioni, ove ritengano le suddette opere di particolare interesse pubblico e rilevanza sociale, previo parere favorevole della maggioranza delle amministrazioni provinciali e comunali interessate, possono autorizzare la deroga alla procedura di dibattito pubblico di cui all’articolo 22, comma 2, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, e al relativo regolamento di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 10 maggio 2018, n. 76, consentendo alle medesime amministrazioni aggiudicatrici di procedere direttamente agli studi di prefattibilità tecnico-economica nonché alle successive fasi progettuali, nel rispetto delle disposizioni del decreto legislativo18 aprile 2016, n. 50.

Cos’è il Dibattito Pubblico

Il dibattito pubblico è un processo di informazione, partecipazione e confronto pubblico che ha lo scopo di accrescere il coinvolgimento dei cittadini e cittadine nei processi di realizzazione delle grandi opere e si svolge nelle fasi iniziali di elaborazione del progetto, al fine di valutare gli impatti delle diverse alternative e orientare le scelte. Ispirato al modello francese del débat public (introdotto dalla c.d. legge Barnier nel 1995) e già previsto in alcune leggi regionali, non è vincolante per il decisore pubblico ma permette di individuare e trattare con anticipo possibili conflitti che rischierebbero di rallentare la realizzazione degli interventi, come si è verificato in numerosi casi di infrastrutture controverse. Tale procedura ha una durata di pochi mesi, portando benefici sia in termini di trasparenza e democraticità delle decisioni sia in termini di speditezza ed efficacia dell’azione amministrativa, sottraendola alle pressioni settoriali e localistiche. Il dibattito pubblico è uno strumento nato per gestire una conflittualità latente o esplicita e per migliorare la qualità della progettazione delle opere, serve ad aiutare e facilitare la decisione. Non è un elemento di complicazione o rallentamento delle procedure e può essere svolto anche negli ambienti digitali, nel rispetto dei principi inclusivi sul piano del confronto e della deliberazione, della celerità e della tutela sanitaria.Perché questa deroga è inopportunaCi preoccupa la deroga alle norme sul dibattito pubblico. La partecipazione civica è un diritto e una modalità per rendere le scelte più condivise e quindi più sostenibili, non è un intralcio. La norma approvata dal Senato sembra invece appoggiare l’erronea percezione che informare e ascoltare il punto di vista dei cittadinisia una complicazione ed una perdita di tempo, mentre numerose opere in Italia sono ferme proprio a causa della mancanza di dialogo e di informazione delle popolazioni. Un preventivo ascolto civico tende ad accorciare piuttosto che ad allungare un processo decisionale. Questa deroga nega dunque non solo un diritto individuale riconosciuto da legislazioni internazionali, europee e nazionali, ma impedisce l’adozione di decisioni strategiche e di politiche pubbliche di migliore qualità. E questo proprio in una congiuntura emergenziale durante la quale il coinvolgimento dei cittadini diventa più prezioso in quanto garanzia di trasparenza e di dialogo sociale.

Cosa proponiamo

Chiediamo al Legislatore di ripensarci e di abrogare la norma che introduce la deroga al dibattito pubblico. Invitiamo il Governo a rispettare gli impegni presi anche in sedi internazionali (l’Italia è firmataria della Convenzione di Aahrus) e di mettere al primo posto l’interesse generale e la tutela dei diritti di cittadine e cittadini. La deroga costituisce una regressione dei diritti e un peggioramento dei metodi di decisione e di costruzione delle politiche pubbliche. Da questo punto di vista la scelta del Senato appare non solo incomprensibile, ma anche nociva per la qualità delle opere infrastrutturali di cui il paese ha bisogno.

Le socie ed i soci di Aip2 -Associazione Italiana per la Partecipazione Pubblica2

Insieme a:

Giovanni Allegretti (Centro de Estudos Sociais dell'Universitádi Coimbra, Portogallo)Marianella Sclavi (presidente di Ascolto Attivo srl e docente al Master ProPart di Venezia); Agnese Bertello (facilitatrice di Ascolto Attivo srl); Ilaria Casillo (prof.associata Facoltà di urbanistica Università Gustave Eiffel Parigi); Francesca Gelli (direttrice del Master IUAV in Progettazione Partecipata –ProPART); Andrea Pirni (prof. associato di Sociologia dei fenomeni politici, Università di Genova); Antonio Floridia (dirigente del Settore Politiche per la partecipazione della Regione Toscana); Sofia Mannelli (presidente associazione Chimica Verde Bionet); Veronica Dini (presidente Systasis -Centro Studi per la prevenzione e la gestione dei conflitti ambientali); Iolanda Romano(socia fondatrice di Avventura Urbana)Ilaria Ramazzotti (Coordinatrice Argomenti2000 Senigallia)....

Per sottoscrivere l’appello inviare una mail a: info@aip2italia.org

Contenuti correlati