Report

Sempre più enti non profit: ormai sono quasi 360mila

9 Ottobre Ott 2020 1405 09 ottobre 2020

Presentati alle Giornate di Bertinoro i nuovi dati Istat sul settore non profit in Italia. Le istituzioni non profit sono 359.574 con 853.476 dipendenti. L’85% è rappresentato da associazioni e due istituzioni su tre sono attive nel settore della cultura, sport e ricreazione. In allegato il report completo

  • ...
Bertinoro Fiaschi
  • ...

Presentati alle Giornate di Bertinoro i nuovi dati Istat sul settore non profit in Italia. Le istituzioni non profit sono 359.574 con 853.476 dipendenti. L’85% è rappresentato da associazioni e due istituzioni su tre sono attive nel settore della cultura, sport e ricreazione. In allegato il report completo

Nel 2018, le istituzioni non profit attive in Italia sono 359.574 e, complessivamente, impiegano 853.476 dipendenti alla data del 31 dicembre 2018. Le istituzioni non profit aumentano con tassi di crescita medi annui sostanzialmente costanti nel tempo (intorno al 2%).

Rispetto al complesso delle imprese dell’industria e dei servizi, l’incidenza delle istituzioni non profit continua ad aumentare, passando dal 5,8% del 2001 all’8,2% del 2018, diversamente dal peso dei dipendenti che rimane pressoché stabili

Le istituzioni aumentano di più nel Mezzogiorno mentre i dipendenti diminuiscono nelle Isole. Nel 2018, le istituzioni crescono ad un ritmo più sostenuto nelle Isole (+4,5%) e al Sud (+4,1%), in particolare, in Sardegna (8,9%), Puglia (7,8%), Calabria (6,8%) e Basilicata (3,8%) mentre il Molise è l’unica regione in cui si riducono (-4,4%).

L’associazione è la forma giuridica che raccoglie la quota maggiore di istituzioni (85,0%), seguono quelle con altra forma giuridica (8,4%), cooperative sociali (4,4%) e fondazioni (2,2%).

I dipendenti aumentano in misura maggiore nelle cooperative sociali (+2,4%) e nelle fondazioni (+1,9%), al contrario, diminuiscono tra le associazioni (-3,0%).

Rispetto al 2017, le istituzioni non profit che presentano un incremento più elevato sono quelle attive nei settori della tutela dei diritti e attività politica (+9,9%), dell’assistenza sociale e protezione civile (+4,1%), della filantropia e promozione del volontariato (+3,9%) e delle relazioni sindacali e rappresentanza interessi (+3,7%).

Le istituzioni non profit sono le principali beneficiarie del cinque per mille con 12,9 milioni di scelte espresse dai contribuenti e un importo totale pari a 439,8 milioni di euro.


Foto: un momento della presentazione dei dati Istat con la poravoce del Forum del Terzo settore, Claudia Fiaschi

Contenuti correlati