Ecco MI RSA MILANO
Milano

In 10 Rsa arriva EccoMi, la tecnologia con il cuore

4 Novembre Nov 2020 1042 04 novembre 2020
  • ...

Grazie agli strumenti digitali, messi a disposizione da Fondazione Amplifon, Cisco, Durante e Comune di Milano e l’appoggio di Uneba Lombardia si vuole favorire il dialogo tra gli ospiti e i loro parenti. Coinvolti al momento 2.100 anziani che potranno usufruire di grandi schermi e connessioni migliori

Da inizio pandemia gli anziani, soprattutto quelli ospiti delle Rsa, hanno avuto a disposizione per comunicare con i propri cari solo i piccoli schermi dei telefonini. Privati di abbracci e presenza. Ora in dieci Rsa del territorio milanese arrivano tecnologia e cuore per colmare la distanza tra gli anziani e i loro parenti grazie a grandi schermi e connessioni potenti. Si tratta del progetto EccoMi, promosso da Fondazione Amplifon, Cisco, Durante e Comune di Milano, con l’appoggio di Uneba Lombardia, nato per offrire agli ospiti delle residenze sanitarie assistenziali nuovi strumenti per comunicare con le famiglie.
L’iniziativa è stata presentata nel corso di una conferenza stampa virtuale cui hanno partecipato il sindaco di Milano Giuseppe Sala, l’assessore alle Politiche Sociali e abitative Gabriele Rabaiotti, la General Manager di Fondazione Amplifon Maria Cristina Ferradini, l’Amministratore Delegato di Cisco Agostino Santoni, il presidente Uneba Lombardia Luca Degani.

Da martedì 3 novembre in dieci strutture per l’accoglienza e la cura degli anziani, è attiva una postazione di telepresenza Cisco Webex DX80: una soluzione che offre alle persone, attraverso uno schermo da 24 pollici, la possibilità di comunicare con i propri cari anche in video, con gesti semplici come fare una telefonata e con un’altissima qualità di immagine e suono, per un’esperienza di “compresenza” molto vicina al dialogo di persona. I familiari degli ospiti, dal canto loro, possono usare per collegarsi qualsiasi dispositivo connesso a internet: smartphone, Pco tablet.

I sistemi sono installati gratuitamente e ogni Rsa, e gli utenti da remoto, dispongono di assistenza continua grazie alla collaborazione con l’azienda Durante, che ha siglato al riguardo con Fondazione Amplifon un accordo per la gestione e manutenzione dei sistemi e per facilitare la comunicazione tra ospiti delle Rsa e loro familiari.

«In questi ultimi mesi a causa della pandemia le persone anziane, in special modo se ospiti delle Rsa, hanno dovuto vivere separate dai propri cari senza incontrarli e abbracciarli» ha dichiarato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. «Una scelta necessaria a proteggerli dal virus, ma al contempo un dolore grandissimo per loro e per i loro familiari costretti a vederli e a sentirli solo dal piccolo schermo di uno smartphone. Ora grazie all’iniziativa e alla generosità di Cisco, Durante e Fondazione Amplifon, gli incontri, benché ancora a distanza, potranno avvenire su schermi grandi e nitidi e con un audio potenziato. Sarà quasi come vedersi e parlarsi faccia a faccia. Ringrazio quindi queste tre aziende», ha concluso il Sindaco «per il dono fatto agli anziani e alle nostre strutture. Hanno contribuito concretamente e in un periodo molto difficile a migliorare le giornate di chi, in questo momento, è davvero più fragile e solo».

EccoMi rappresenta un efficace modello di collaborazione tra pubblico e privato, che unisce le forze di soggetti le cui capacità e competenze complementari consentono di lanciare in tempi rapidi iniziative che aiutano le istituzioni a rispondere a nuovi bisogni, aprendo un dialogo con tutti i soggetti coinvolti. Il progetto è stato realizzato anche in costante dialogo con Uneba, associazione che riunisce in tutta Italia circa 1000 enti del settore sociosanitario e socioassistenziale, di cui 400 in Lombardia: quasi tutti non profit di radici cristiane, in maggioranza strutture per anziani non autosufficienti.

«Si tratta di un’iniziativa che cerca in maniera concreta di far fronte a un bisogno di molti anziani ospiti nelle Case di Riposo e nelle Rsa», spiega Maria Cristina Ferradini, managing director di Fondazione Amplifon. «Il lockdown ha determinato una situazione di isolamento prolungato, che va combattuto con tutte le nostre forze non solo perché ne va della qualità e della vita quotidiana e della loro serenità, ma anche perché può generare anche problematiche di ordine cognitivo e relazionale. Dare la possibilità a un anziano di poter dialogare e vedere in modo semplice e immediato i propri cari ha un valore grandissimo che influisce sul suo benessere e sullo stato di salute generale».

Per il futuro, nelle intenzioni dei promotori e in particolare della capofila del progetto Fondazione Amplifon, EccoMi è un progetto che si potrebbe estendere anche ad altre città italiane. Secondo l’amministratore delegato di Cisco Italia Agostino Santoni EccoMi «mette in luce molto chiaramente il valore della tecnologia come opportunità per migliorare la vita delle persone. Il nostro lavoro quotidiano punta a consentire a istituzioni, imprese, comunità di sfruttare tutto il potenziale del digitale per le loro esigenze contribuendo allo stesso tempo a creare un mondo più inclusivo con un obiettivo grande, che si può raggiungere solo facendo rete: EccoMi è un esempio di come connettere in modo proficuo risorse e competenze per creare un impatto positivo».
Come ulteriore iniziativa a favore degli ospiti delle Rsa, Fondazione Amplifon e Cisco hanno intenzione di proporre ai propri dipendenti, nel quadro delle attività di volontariato aziendali, di mettere a disposizione del tempo per videochiamate e chiacchiere di compagnia con gli anziani ricoverati.

«Quando Fondazione Amplifon e Cisco ci hanno proposto di sperimentare la tele presenza nelle Rsa con un comodato d'uso degli strumenti tecnologici e la loro assistenza tecnica gratuita, abbiamo molto apprezzato», interviene l’assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti. «Nelle Rsa viviamo tutta la delicatezza e la complessità della pandemia, ma abbiamo visto nei gestori la determinazione, l'attenzione e la professionalità necessarie per gestire questo importantissimo servizio nel modo più sicuro. Oltre alla cura delle anziane e degli anziani ospitati, diventa importante garantire un contatto che possa riavvicinarli ai famigliari, ai parenti, agli amici. È un ponte digitale essenziale, che ci dice che dobbiamo cercare tutti i modi possibili per tenere aperte le relazioni e i rapporti tra le persone accolte e le loro famiglie».

Nell’esprimere «a Fondazione Amplifon, Cisco, Durante e Comune di Milano un grande ringraziamento», Luca Degani, presidente di Uneba Lombardia sottolinea: «Il sistema di telepresenza permetterà a centinaia di anziani e ai loro famigliari o amici di sentirsi un poco più vicini anche ora che per proteggere gli uni e gli altri dalla malattia, sono costretti a stare lontani. Fondamentale sarà, ancora una volta, anche l’impegno delle donne e degli uomini che lavorano delle Rsa, che aiuteranno gli anziani ad utilizzare questo dono che le strutture hanno ricevuto».

Le Rsa coinvolte dal progetto sono le strutture Gerosa Brichetto, Famagosta, Pindaro, Ferrari, Casa dei Coniugi, Fondazione Biffi, Piccola Casa del Rifugio, Istituto Sacra Famiglia, Istituto don Gnocchi, Casa Verdi.

Contenuti correlati