Bozen Duernsteiner Pixabay
Volontariato

Bolzano taglia i contributi alle associazioni degli anziani

11 Novembre Nov 2020 1042 11 novembre 2020
  • ...

Auser/Vssh, Anteas/Agas e Ada/Vrs altoatesine esprimo tutta la loro sorpresa e disappunto per il taglio – tra il 15 e il 20% - dei contributi comunicato dalla Provincia autonoma. Le organizzazioni, ricordando come le attività non si siano fermate neppure durante il lockdown di primavera, si appellano all’assessora Waltraud Deeg e al presidente Arno Kompatscher

«Sorpresa e disappunto», sono queste le prime parole del comunicato firmato dalle associazioni di volontariato altoatesine Auser/Vssh, Anteas/Agas e Ada/Vrs. La ragione di queste parole è il fatto che le stesse associazioni, «con una burocratica comunicazione dell’Ufficio Anziani e distretti sociali della Provincia di Bolzano, in questi giorni si sono viste decurtare i contributi per la gestione ordinaria delle associazioni nella pesantissima misura compresa fra il 15 e il 20% di quanto previsto dalle norme in vigore. Il tutto con la fantasiosa motivazione che l'attività sarebbe stata sospesa per settimane a seguito dei provvedimenti anti-Covid».

Auser/Vssh, Anteas/Agas e Ada/Vrs non ci stanno e ricordano alla Provincia autonoma che «le nostre associazioni non si sono mai fermate nemmeno nei mesi del più stretto lockdown di primavera, ma hanno continuato a svolgere generosamente la loro attività di trasporto solidale, consegna a domicilio di spesa e farmaci e di contatto/compagnia telefonica in favore di centinaia di anziani». Invitano poi a considerare che «per mantenere gli standard di sicurezza nelle attività dei nostri volontari dettati dai protocolli delle organizzazioni nazionali di riferimento oltre che dalle norme sanitarie provinciali tutte le nostre associazioni hanno dovuto sostenere pesanti costi aggiuntivi legati in particolare alla messa a disposizione dei volontari e degli utenti dei Dpi (dispositivi di protezione individuale) oltre che alla sanificazione giornaliera delle auto dedicate ai trasporti e a quella periodica delle rispettive sedi».

La nota delle tre organizzazioni invita a tenere conto che anche «per le attività delle rispettive Associazioni di Promozione Sociale – pur a fronte di un drastico calo delle partecipazioni ai soggiorni marini e termali a causa delle limitazioni imposte e dei legittimi timori da parte di molti degli utenti – non è certo venuto meno lo sforzo organizzativo per proporre prima e disdire poi le molteplici iniziative tradizionalmente in calendario».

Risulta quindi «davvero esclusivamente e ingiustamente penalizzante la decisione provinciale di tagliare i previsti contributi, peraltro già messi a bilancio preventivo, asserendo che la pandemia avrebbe fermato a lungo l'attività associativa: un falso sotto ogni profilo come le centinaia di utenti possono testimoniare».

Da qui la decisione di denunciare pubblicamente una decisione che – scrivono Auser/Vssh, Anteas/Agas e Ada/Vrs «speriamo sia stata dettata solo da una maldestra e libera interpretazione burocratica» e la decisione di far «appello all'assessora competente Waltraud Deeg ed al presidente Arno Kompatscher, oltre che alla giunta provinciale tutta, affinché venga cancellato subito questo provvedimento iniquo e ingiustificato che danneggia le associazioni di volontariato, ma soprattutto mette in discussione il prezioso servizio che viene da esse messo in campo in favore della fascia più fragile della nostra comunità qual è quella degli anziani».

In apertura image by Duernsteiner from Pixabay

Contenuti correlati